La Serbia inizia a votare alle elezioni presidenziali e parlamentari

© Sputnik . Maksim Bogodvid / Vai alla galleria fotograficaUna vista di Belgrado
Una vista di Belgrado - Sputnik Italia, 1920, 03.04.2022
Seguici suTelegram
In Serbia si aprono i seggi elettorali per le elezioni presidenziali e parlamentari.
La Commissione elettorale repubblicana (Ric) annuncia che in Serbia sono stati aperti i seggi elettorali per le elezioni presidenziali, parlamentari e di autogoverno locale in diversi comuni.
La Serbia terrà le regolari elezioni presidenziali, l'elezione anticipata di 250 deputati dell'Assemblea (parlamento unicamerale), nonché le elezioni del governo locale nelle città di Belgrado, Bor e una dozzina di altri comuni.
Oltre 6,5 milioni i cittadini che hanno diritto di voto.
Le votazioni si svolgeranno dalle 7:00 alle 20:00 in più di 8.000 seggi elettorali del paese e 77 seggi elettorali in 34 paesi del mondo, per i cittadini al di fuori del paese.
Il comitato elettorale serbo ha registrato 19 blocchi di partiti politici e coalizioni che si candidano per i 250 seggi nell'Assemblea, i quali dovranno superare la soglia del 3% dei voti per entrare nella nuova convocazione del parlamento. Otto candidati si candidano alla presidenza, sostenuti da uno o più blocchi elettorali.
Il Ric ha annunciato l'accreditamento di 3.500 osservatori provenienti da organizzazioni serbe e internazionali. Anche il Consiglio della Federazione Russa ha formato una delegazione per monitorare le elezioni presidenziali e parlamentari nel paese.
Le votazioni, per decisione delle autorità albanesi del Kosovo a Pristina, non si svolgeranno sul territorio dello stesso e a Metohija, dove hanno diritto di voto circa 100mila serbi, che dovranno così recarsi nei seggi elettorali della parte centrale del Paese.

Il ministro dell'Interno serbo Aleksander Vulin ha detto poco prima del voto che si aspetta un tentativo di una insurrezione del tipo "EuroMaidan" dopo queste elezioni del 3 aprile.
Secondo lui, i partiti filo-occidentali, preparati finanziariamente e politicamente, "organizzeranno un processo di contestazione dei risultati elettorali, che si concluderà nel tentativo di rovesciare il governo". Le forze dell'ordine e le agenzie di intelligence hanno riferito di essere pronte a prevenire un tale scenario.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала