In Ungheria si aprono i seggi elettorali per le elezioni parlamentari

© SputnikIl parlamento dell'Ungheria, Budapest
Il parlamento dell'Ungheria, Budapest - Sputnik Italia, 1920, 03.04.2022
Seguici suTelegram
Seggi elettorali aperti per le elezioni parlamentari in Ungheria. Da sondaggi la coalizione del partito populista di destra Fidesz e il Partito popolare democratico cristiano del presidente Viktor Orban in vantaggio. Chiamati alle urne oltre 8,2 milioni di abitanti.
Si sono aperti questa domenica alle ore 6:00 i seggi elettorali per le elezioni parlamentari in Ungheria.
I lavori andranno avanti fino a questa sera alle 19:00.
Il numero dei deputati da eleggere è 199, distribuiti in due modi: 106 seggi nel sistema maggioritario nei distretti a mandato unico e 93 in proporzione alle liste di partito.
Secondo il comitato elettorale nazionale hanno il diritto di voto alle odierne votazioni oltre 8,2 milioni di cittadini ungheresi all'interno del paese e all'estero hanno diritto di voto.
L'alleanza al potere è composta dal partito populista di destra Fidesz - Unione Civile Ungherese e dal suo partner minore, il Partito popolare democratico cristiano (PPCD), guidato dal primo ministro Viktor Orban, che sostiene la cooperazione con la Federazione Russa, e una coalizione di opposizione dei partiti ungheresi che si battono per la vittoria del loro leader, Peter Markey-Zai, fondatore del movimento "Un'Ungheria per tutti", i cui interessi vanno piuttosto "in direzione" di Bruxelles.
Come evidenziato dai sondaggi dell'opinione pubblica, la Fidesz-Unione Civile Ungherese è stata in testa negli ultimi tre mesi, ma il divario varia da un minimo di 2-3 punti ad un più significativo 10 punti.
In sostanza le previsioni danno Fidesz con circa il 50% dei voti e la coalizione di opposizione con poco più del 40%.
Le precedenti elezioni parlamentari si sono svolte nel paese nell'aprile 2018, quando il neoeletto parlamento ungherese ha rieletto Orban come primo ministro, che ha assunto questa posizione per la quarta volta, divenendo di fatto il leader europeo "più longevo" in carica.
Alle votazioni di oggi sono presenti 200 osservatori dell'Osce, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, oltre a 200mila volontari, per evitare la paventata possibilità che vengano messi in atto brogli elettorali.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала