- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Le forze ucraine non avranno un corridoio per lasciare Mariupol, afferma la DPR

© Sputnik . Maksim BlinovPalazzi distrutti a Mariupol
Palazzi distrutti a Mariupol - Sputnik Italia, 1920, 31.03.2022
Seguici suTelegram
Le forze militari ucraine non avranno un corridoio per uscire da Mariupol, ha detto ai media russi Eduard Basurin, un rappresentante della milizia popolare della Repubblica popolare di Donetsk.
"A loro è già stata fatta un'offerta del genere, hanno rifiutato. Pertanto, si ritiene che non siano più militanti, ma criminali. Perché hanno ucciso la popolazione civile. Sì, garantiamo di salvargli la vita, ma non credo che li lasceremo andare", ha detto a RIA Novosti.
Al momento della proclamazione della DPR, Repubblica Popolare di Donetsk, nel 2014, Mariupol, con una popolazione di circa 450mila persone, era la seconda città più grande della repubblica dopo Donetsk. Tuttavia, nel giugno di quell'anno, le forze ripresero il controllo della città e la sua periferia orientale divenne uno dei luoghi più caldi del conflitto in Ucraina.
Il 7 marzo 2022, Alexander Semyonov, vice comandante del battaglione Vostok della DPR, ha affermato che la città era circondata e che era iniziata la pulizia di alcuni dei suoi distretti. Attualmente, l'esercito russo e la milizia popolare della DPR sono impegnati nella liberazione della città.
Tra le altre unità ucraine a Mariupol ci sono i militanti del reggimento nazionalista Azov, contro i cui combattenti è stato aperto un procedimento penale in Russia.
Il 21 marzo il ministero della Difesa russo ha offerto alla parte ucraina di aprire corridoi umanitari da Mariupol per l'uscita di civili, unità armate e mercenari stranieri, senza armi e munizioni. Il vice primo ministro ucraino Irina Vereshchuk ha respinto questa proposta.
Paramilitari del battaglione ucraino Azov nel Donbass - Sputnik Italia, 1920, 30.03.2022
La situazione in Ucraina
Comandante battaglione Azov a quotidiano USA: “La maggioranza degli ucraini oggi è nazionalista"
La Russia ha lanciato un'operazione militare speciale in Ucraina il 24 febbraio. Il presidente Vladimir Putin ha definito il suo obiettivo "la protezione delle persone che sono state oggetto di aggressione e genocidio dal regime di Kiev per otto anni". Per questo, secondo lui, si prevede di effettuare la "smilitarizzazione e denazificazione dell'Ucraina", per assicurare alla giustizia tutti i criminali di guerra responsabili di "crimini sanguinari contro i civili" nel Donbass.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала