Gli scienziati scoprono cosa si nasconde dietro la straordinaria longevità dei pappagalli

Esemplare di pappagallo cenerino
Esemplare di pappagallo cenerino - Sputnik Italia, 1920, 31.03.2022
Seguici suTelegram
I pappagalli sono noti per le loro straordinarie capacità cognitive e per la loro vita eccezionalmente lunga. In cattività, alcuni sono stati registrati per vivere 80-90 anni. Degli studi universitari hanno cercato di scoprirne i motivi.
Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che i grandi cervelli dei pappagalli sono la chiave della loro longevità. Secondo uno studio pubblicato dalla Royal Society B, le grandi dimensioni del cervello dei pappagalli li aiutano ad adattarsi alla natura.
Nel 2018, i ricercatori della Carnegie Mellon University e della Oregon Health and Science University hanno condotto un'analisi genetica del Pappagallo Amazzone dalla fronte turchese e hanno confrontato i risultati con il DNA di altre 30 specie di uccelli. Hanno scoperto che il DNA dei pappagalli contiene geni che stimolano l'attività della telomerasi, un enzima che determina il numero di divisioni cellulari prima che muoia. Questo processo è direttamente correlato ai meccanismi di invecchiamento del corpo.
Nel nuovo studio, scienziati del Max Planck Institute of Animal Behaviour (Germania), dell'European Association of Zoos and Aquaria (Paesi Bassi), delle università dello Stato del New Mexico (USA), della Danimarca meridionale (Danimarca), di Lethbridge (Canada) e altre organizzazioni scientifiche hanno deciso di guardare alla durata della vita dei pappagalli da un'angolazione diversa.
I ricercatori hanno valutato l'aspettativa di vita di quasi 134 mila pappagalli di 244 specie, utilizzando i dati di più di mille zoo in tutto il mondo. Hanno constatato una sorprendente diversità nell'aspettativa di vita di questi uccelli, da due anni per un Pappagallo di fichi e fino a 30 anni per un'Ara scarlatta:
"Alcuni individui hanno una durata massima della vita di oltre 80 anni, che è un'età rispettabile anche per gli esseri umani. Questi valori sono davvero spettacolari se si considera che un maschio umano pesa circa 100 volte di più", ha affermato Simeon Smeele, studente di dottorato al Max Planck Institute of Animal Behavior e autore principale dello studio.
Gli scienziati si sono chiesti se le capacità cognitive dei pappagalli influiscano sulla loro longevità. Hanno considerato due ipotesi. Il primo stabiliva che avere un cervello relativamente grande aiuta questi uccelli a vivere più a lungo: più intelligente è l'animale, meglio può risolvere i problemi che deve affrontare in natura. Il secondo ha suggerito che un cervello grande impiega molto tempo per crescere e questo processo richiede una lunga vita.
Gli scienziati hanno testato entrambe le ipotesi con le simulazioni disponibili. La prima teoria si è rivelata vera: i pappagalli con un cervello grande sono più bravi a risolvere i problemi che devono affrontare in natura, il che permette loro di vivere più a lungo.
"Questo sostiene l'idea che in generale i cervelli più grandi rendano le specie più flessibili e consentano loro di vivere più a lungo", afferma Smeele. "Ad esempio, se esauriscono il loro cibo preferito, potrebbero imparare a trovare qualcosa di nuovo e quindi sopravvivere".
In futuro, il team intende studiare se la socialità e la capacità di apprendimento influiscano sulla longevità di questi uccelli.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала