Bonomi: serve mettere un tetto al prezzo del gas

Carlo Bonomi - Sputnik Italia, 1920, 31.03.2022
Seguici suTelegram
Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi torna a parlare della crisi energetica in atto affermando la necessità di mettere un tetto al prezzo gas, dichiarando che se non sarà l'Europa a farlo allora dovrà farlo l’Italia.

"Dobbiamo mettere un tetto al prezzo gas, se non lo fa l'Europa lo dobbiamo fare noi", questo il pensiero del presidente di Confindustria Carlo Bonomi, ospite ieri sera della terasmissione 'Porta a Porta' su Rai Uno.

Bonomi, nel suo intervento, riconosce anche che in questo particolare momento storico vi sia sicuramente una speculazione in atto che sta mettendo fortemente in crisi non soltanto le imprese, ma anche le famiglie italiane.

"Abbiamo avuto degli interventi, ben graditi, congiunturali ma non abbiamo ancora visto un intervento strutturale. Dobbiamo assolutamente sbloccare 400 impianti di energia rinnovabile che sono bloccati dalla burocrazia", osserva Bonomi.

Nel corso del suo intervento Bonomi afferma che il 16% delle imprese manifatturiere italiane ha sospeso, o ridotto, le proprie produzioni e la proiezione per i prossimi 3 mesi, se continuerà questa situazione, prevede che un ulteriore 30% delle imprese sara' costretta a sospendere o rallentare la produzione, facendo entrare praticamente metà del comparto industriale italiano in sofferenza.

Infine, secondo il Presidente di Confindustria, questa nefasta previsione: “Dovrebbe essere un dato che dovrebbe allarmare il Governo e porre massima attenzione su come intervenire".

Il 23 marzo il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia ha deciso di ricevere in rubli i pagamenti per le forniture di gas verso i paesi ostili, dal momento che non ha senso fornire merci russe all'UE e agli Stati Uniti e ricevere in cambio il pagamento nella loro valuta.
La mattina del 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato un'operazione speciale in Ucraina, descrivendola come un passo necessario per intervenire nelle Repubbliche Popolari del Donbass, che stavano affrontando un "genocidio" e le atrocità commesse dal governo nazionalista a Kiev.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала