Regno Unito dice no al pagamento in rubli delle merci russe

© Fotolia / Alexandr Blinovrublo russo
rublo russo - Sputnik Italia, 1920, 30.03.2022
Seguici suTelegram
Inoltre Londra spinge per un allargamento dei casi che prevedono l'esclusione delle banche russe dallo Swift.
Il portavoce del primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che Londra si rifiuta di pagare le merci russe in rubli, riportano i media occidentali.
"Kwasi Kwarteng (ministro britannico per gli affari, l'energia e l'industria - ndr), in collaborazione con i suoi colleghi, ha chiarito che non avrebbero pagato in rubli", ha riportato la Reuters, con riferimento al rappresentante del primo ministro britannico.
Inoltre il portavoce del premier Boris Johnson ha affermato che è possibile ampliare le misure contro la Russia sulla questione della limitazione dell'accesso allo SWIFT, riferisce la Reuters.
Secondo lui, se le sanzioni contro la Federazione Russa non verranno rafforzate, Mosca imparerà a conviverci.
"Il rappresentante di Johnson ha affermato che possiamo andare oltre nel limitare l'accesso della Russia al sistema di pagamento SWIFT", ha affermato l'agenzia in una nota.
Il 23 marzo il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia chiederà pagamenti in rubli per le forniture di gas ai Paesi ostili, dal momento che non ha senso fornire alla Ue e agli Stati Uniti prodotti in cambio della loro valuta. Putin ha incaricato la Banca Centrale e il governo di determinare la procedura per le transazioni con l'Europa in rubli entro una settimana. Allo stesso tempo, ha affermato che la Russia continuerà a fornire gas in volumi ai prezzi fissati nei contratti precedenti, in quanto la Russia tiene a conservare la sua reputazione.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала