Le forze speciali russe catturano i torturatori dei prigionieri russi in Ucraina

© Sputnik . Nikolay Hiznyak Forze speciali russe
Forze speciali russe - Sputnik Italia, 1920, 29.03.2022
Seguici suTelegram
Le forze speciali hanno catturato i nazionalisti ucraini coinvolti nella tortura dei prigionieri militari russi, ha affermato Vladimir Shamanov il vicepresidente della commissione della Duma per lo sviluppo della società civile e delle associazioni pubbliche e religiose.
Chi prima si e' preso gioco dei prigionieri, ora non era molto contento, ha sottolineato il funzionario durante il forum di discussione "Le religioni tradizionali del mondo contro l'ideologia del nazismo e del fascismo nel XXI secolo".
"Tre giorni dopo, le nostre forze speciali hanno catturato questi disgraziati", ha dichiarato Shamanov.
Inoltre, il funzionario ha specificato che si trattava di radicali appartenenti al gruppo di ultras della squadra di calcio Metalist, della città di Kharkov.
In precedenza la delegazione russa aveva protestato con la delegazione ucraina per il video di combattenti ucraini che sparavano alle gambe dei soldati russi prigionieri, ha detto il consigliere presidenziale e capo della squadra di negoziazione russa Vladimir Medinsky.
Il 24 febbraio il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il lancio di "un'operazione militare speciale" in Ucraina, dichiarando che le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, precedentemente riconosciute da Mosca come stati sovrani, avevano bisogno di aiuto di fronte al "genocidio" di Kiev.
Uno degli obiettivi fondamentali di questa operazione, secondo Putin, è "la smilitarizzazione e la denazificazione" dell'Ucraina. Secondo il ministero della Difesa russo, gli attacchi militari non sono diretti contro installazioni civili, ma cercano piuttosto di smantellare le infrastrutture militari.
L'Ucraina ha rotto le relazioni diplomatiche con la Russia, ha imposto la legge marziale su tutto il territorio nazionale, oltre al coprifuoco a Kiev e in altre città, ha decretato la mobilitazione generale e ha esortato la comunità internazionale ad attivare "tutte le possibili sanzioni" contro il leader russo.
Numerosi paesi, con eccezioni come la Cina, hanno condannato fermamente l'operazione militare russa in Ucraina e attivato vari pacchetti di sanzioni individuali e settoriali.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала