Ministro Speranza: dal 1 aprile i professori no vax a scuola con tampone negativo

© Foto : Filippo AttiliIl ministro della Salute Roberto Speranza durante l'incontro con le parti sociali per un confronto sui progetti di rilancio del Paese
Il ministro della Salute Roberto Speranza durante l'incontro con le parti sociali per un confronto sui progetti di rilancio del Paese - Sputnik Italia, 1920, 28.03.2022
Seguici suTelegram
Con l'entrata in vigore del nuovo decreto covid sarà sufficiente presentare il risultato di un tampone negativo anche per i rappresentati delle forze dell'ordine.
Il ministro della Salute Roberto Speranza, ospite su RAI3 a Che tempo che fa, fa chiarezza su quello che succederà a partire dal 1 aprile quando il nuovo decreto covid entrerà in vigore con la fine dello stato d'emergenza.

"I lavoratori sopra i 50 anni e delle categorie dell’obbligo, esclusi i sanitari, potranno tornare al lavoro ma dovranno fare il tampone. Nei luoghi di lavoro le persone sopra i 50 anni e le categorie per cui vigeva l’obbligo, il personale scolastico e le forze dell’ordine, tornano ad una modalità di green pass base", così ha affermato il ministro Roberto Speranza su RAI3 a Che tempo che fa.

Novità in vista, a partire dal 1 aprile, non solo per i professori ma anche per gli studenti che vedono cambiare le regole di prevenzione in presenza di un compagno malato in classe.

"Chi è positivo va a casa, ma tutti gli altri rimangono in classe. L’obiettivo del governo è tenere i ragazzi il più possibile in classe. Io rivendico le scelte fatte dal governo: dopo Natale tanti pensavano che sarebbe stato più prudente riaprire la scuola alla fine di gennaio, il governo ha scelto di riportare subito gli studenti in classe e i fatti ci hanno dato ragione" ha dichiarato il ministro Speranza sempre a Che tempo che fa.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала