Lavrov ai media serbi su: colloqui Putin-Zelensky, legami Russia-Cina e i tentativi di isolare Mosca

© Sputnik . Press service of the Ministry of Foreign affairs of the Russian Federation / Vai alla galleria fotograficaSergey Lavrov
Sergey Lavrov - Sputnik Italia, 1920, 28.03.2022
Seguici suTelegram
L'intervista di Sergei Lavrov ai media serbi arriva nel mezzo dell'operazione militare speciale russa in corso in Ucraina, operazione che ha spinto gli Stati Uniti e i loro alleati a inviare ripetuti pacchetti di dure sanzioni contro Mosca.
Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che all'Occidente non importa niente dei diritti sovrani degli altri paesi.
In un'intervista con i media serbi Lavrov ha anche accennato alle sanzioni che l'Occidente ha emesso contro la Russia a seguito della sua operazione militare speciale in Ucraina.

Nessun isolamento della Russia, afferma Lavrov

Alla domanda sull'"isolamento" della Russia in relazione alle sanzioni, ha sottolineato che non esiste tale isolamento e che il suo Paese ha "un numero enorme di partner nella regione Asia-Pacifico, in Africa e in America Latina".
Secondo Lavrov, la Russia ha "buoni rapporti con la stragrande maggioranza delle organizzazioni create dai paesi in via di sviluppo e, naturalmente, tra loro ci sono l'Unione africana e la comunità dei paesi dell'America Latina e dei Caraibi, nonché l'Associazione del sud-est Nazioni asiatiche (ASEAN) e molti altri".

Negoziati Mosca-Kiev

Il ministro degli Esteri russo si è anche soffermato sui negoziati in corso tra Mosca e Kiev, aggiungendo che la Russia spera che siano un successo.

"Siamo interessati a che questi negoziati si concludano con un risultato che raggiunga i nostri obiettivi fondamentali. Innanzitutto, la fine dell'uccisione di civili nella regione del Donbass, che va avanti da otto lunghi anni, durante i quali l'intera comunità progressista occidentale ha taciuto, senza mai fare commenti critici, anche se tutti hanno assistito ai bombardamenti di infrastrutture civili, ospedali, asili nido, cliniche ed edifici residenziali della zona", ha sottolineato Lavrov.

Incontro Putin-Zelensky?

In seguito durante la sua intervista il ministro Lavrov, si è concentrato su un possibile incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e l'omologo ucraino Volodymyr Zelensky che, ha affermato Lavrov, è necessario non appena ci sarà chiarezza sulle questioni chiave.
"L'incontro [tra i due] è necessario non appena avremo chiarezza sull'esito di tutti questi temi chiave. Abbiamo richiamato l'attenzione su questi problemi per molti anni. L'Occidente non ci ha ascoltato, ora ci ha ascoltato", ha sottolineato il massimo diplomatico russo.
Aggiungendo che durante i negoziati in corso con l'Ucraina, Mosca è obbligata a fare in modo che "il popolo del Donbass non soffra mai più dal regime di Kiev" e che "l'Ucraina smetta di essere un paese costantemente militarizzato" nel tentativo di minacciare la Russia .
Lavrov ha, inoltre, sottolineato le relazioni sino-russe, che secondo lui sono "al loro livello migliore nella storia".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала