Gas, prezzi di borsa in Europa aumentati del 7,5%, appena sotto $1.240 per mille metri cubi

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaImpianto di gas in Germania ad Eugal
Impianto di gas in Germania ad Eugal - Sputnik Italia, 1920, 28.03.2022
Seguici suTelegram
Secondo i dati ICE London, lunedì, i costi dei futures sul gas in Europa sono aumentati del 7,5%, chiudendo a poco meno di 1.240 dollari per 1.000 metri cubi.
Il costo dei futures di aprile sull'indice del più grande hub europeo TTF in apertura di seduta è stato di quasi 1115 dollari.
Dopo un inizio volatile del trading, con un ribasso a 1.057,8 dollari, il minimo di lunedì, i prezzi sono rimbalzati, superando la chiusura di venerdì di 1.151,8 dollari e raggiungendo un massimo 1.241 dollari per 1.000 metri cubi
Nella seconda parte della seduta i prezzi sono rimasti tra i 1160 ed i 1240 dollari.
Conseguentemente, il prezzo di chiusura è stato di $1.238,6 per mille metri cubi, il 7,5% in più rispetto al prezzo di regolamento di venerdì.

Gas, prezzi impazziti

Il costo del gas sul mercato europeo è caratterizzato da una forte volatilità dalla fine del mese scorso.
La volatilità è andata aumentando dopo che, il 21 febbraio, Vladimir Putin ha firmato dei decreti che riconoscono la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, oltre al lancio, il 24 febbraio, di un'operazione militare speciale della Russia in Ucraina.
All'inizio di marzo, a causa dei timori circa un possibile divieto di acquisto delle risorse energetiche russe in Europa, i prezzi del gas hanno aggiornato per quattro giorni consecutivi i massimi storici, per poi scendere di circa un terzo a metà mese.
L'aumento significativo dei prezzi del gas in Europa era però già iniziato la scorsa primavera, quando il prezzo spot medio sull'indice hub TTF oscillava tra i $250 e $300 per mille metri cubi.
Alla fine dell'estate, il valore di un contratto con formula di consegna il "giorno prima" superava i $600, mentre, all'inizio di ottobre, era già di $1.000.
Il prezzo massimo è stato raggiunto il 7 marzo di quest'anno, quando si è arrivati a 3892 dollari.
Gli esperti hanno attribuito l'aumento dei prezzi a diversi fattori.
Tra questi, l'elevata domanda di gas naturale liquefatto (GNL) in Asia, oltre agli approvigionamenti limitati da parte dei principali fornitori e i bassi livelli di occupazione dei depositi sotterranei europei, dopo il lungo e freddo inverno e la calda estate del 2021.
Nell'intera storia degli hub del gas in Europa era dal 1996 che non si vedevano prezzi così costantemente elevati.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала