Si rispostano le lancette: con l'ora legale oltre 190 milioni risparmiati nel 2022

Orologio - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Si tornerà all'ora legale domenica 27 marzo, quando, alle due di notte, le lancette si sposteranno in avanti di sessanti minuti. L'ora legale durerà fino al 30 ottobre, quando subentrerà nuovamente l'ora solare.
Secondo un report realizzato da Terna, il gruppo che gestisce la rete di trasmissione elettrica nazionale italiana, nei 7 mesi in cui l'ora legale sarà in vigore, gli italiani risparmieranno oltre 190 milioni di euro.
Questo sarà possibile grazie a una riduzione dei consumi di energia elettrica pari a circa 420 milioni di kilowattora, che, conseguentemente, porterà notevoli benifici all'ambiente, equiparabili a circa 200 mila tonnellate di emissioni di CO₂ in meno introdotte nell'atmosfera.
Per calcolare il beneficio economico derivante dal ritorno all'ora legale nel 2022, Terna ha preso in considerazione il costo del kilowattora medio per il "cliente domestico tipo in tutela", che, attualmente, è pari a circa 46.03 centesimi di euro al lordo delle imposte
I circa 420 milioni di risparmi in kilowattora equivalgono al fabbisogno medio annuo di circa 150 mila famiglie.
Secondo Terna, i mesi caratterizzati da un maggior risparmio energetico saranno Aprile e Ottobre.
Spostando le lancette in avanti, la luce artificiale sarà, per un'ulteriore ora, sostituita dalla luce solare, quando nell'arco della giornata le attività lavorative si svolgono ancora a pieno regime.
Sempre secondo i dati di Terna, dal 2004 al 2021, il minor consumo di energia elettrica attribuibile all’ora legale in Italia è stato di circa 10.5 miliardi di kWh. In termini economici, l'ora legale avrebbe garantito risparmi ai cittadini per totale di oltre 1.8 miliardi di euro.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала