Gran Bretagna, il rincaro del carburante minaccia una stazione di servizio attiva dal 1895

© AFP 2022 / JEFF PACHOUD benzina
benzina - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Seguici suTelegram
Ross Molloy, proprietario di una stazione di servizio di 127 anni, ha parlato della catastrofe legata all'aumento dei prezzi del carburante in Gran Bretagna.
Molloy si è lamentato con il Mirror di come il forte aumento dei prezzi del carburante stia mettendo a repentaglio la sua attività, il RGM Brailsford Garage, una stazione di servizio con una pompa attiva da ben 127 anni.

"Le persone accusano i venditori come me di aumentare i prezzi. Dicono che ne possa trarre profitti elevati. Personalmente ottengo un guadagno extra di soli tre centesimi al litro e, nelle vicinanze, una stazione di una grande compagnia vende a un prezzo inferiore al mio prezzo di acquisto ”.

Secondo lui, il prezzo alla stazione di servizio dipende fortemente dai fornitori, i quali vendono il carburante in volumi non redditizi, il che aumenta le tariffe.
Molloy ritiene che le misure adottate dal governo britannico per migliorare la situazione siano insufficienti, e ha definito le agevolazioni fiscali "una goccia nell'oceano".
Inoltre, dal momento che non dispone di fondi gratuiti, Molloy non può permettersi i costi per le riparazioni del distributore.
Il 21 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin, in risposta alle richieste delle repubbliche del Donbass e dopo un appello dei deputati della Duma di Stato, ha firmato dei decreti che riconoscono la sovranità della LPR e della DPR.
La mattina del 24 febbraio, la Russia ha lanciato un'operazione militare speciale per smilitarizzare l'Ucraina.
Il presidente Putin ha definito il suo obbiettivo "la protezione delle persone che sono state vittime di violenze e genocidio da parte del regime di Kiev per otto anni".
Secondo il ministero della Difesa, le forze armate russe colpiscono solo le infrastrutture militari e le truppe ucraine.
Dopo l'avvio dell'operazione militare speciale per smilitarizzare l'Ucraina, i paesi occidentali hanno approvato una serie di nuove sanzioni contro la Russia.
In Europa, le dichiarazioni circa la necessità di ridurre la dipendenza dalle risorse energetiche russe sono aumentate.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала