Covid-19: dal 1° aprile tornano le gite scolastiche, anche i prof no-vax potranno tornare a scuola

Bambini a scuola
Bambini a scuola - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Seguici suTelegram
Pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto di legge messo in bozza in vista della fine dello stato d'emergenza. Presenti alcune novità riguardo alla gestione delle misure atte al contrasto della pandemia di Coronavirus: tornano le gite scolastiche, Dad non più prevista in caso di più di 4 contagiati.
Dal primo aprile nella vita degli studenti italiani faranno ritorno le gite scolastiche, mentre il personale scolastico non vaccinato potrà fare rientro a scuola, anche se in una modalità prevista come di non "contatto con gli studenti".
Cambia la gestione delle quarantene: non scatterà più infatti la didattica a distanza, anche con più di 4 contagiati, tranne ovviamente che per i malati.
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge in vista della cessazione dello stato d'emergenza, il testo contiene alcune novità.
Prevista la proroga dell'organico per l'emergenza e lo stanziamento di ulteriori risorse, per un importo pari a 30 milioni di euro per gli istituti scolastici.
Vengono reintrodotte nella vite degli studenti, dopo una lunga pausa di più di 2 anni, le gite scolastiche, alias "viaggi di istruzione", inclusa la partecipazione ad eventi sportivi.
Il sistema della gestione dei casi positivi, come accennato, subisce delle modifiche: nelle scuole dell'infanzia, con la presenza accertata di almeno 4 casi positivi all'interno della stessa classe, le attività proseguiranno comunque in presenza, sia per docenti che per educatori, e ovviamente per i bambini, se di età superiori ai 6 anni, per cui è previsto l'utilizzo delle mascherine di tipo "Ffp2", per un periodo di 10 giorni dall'ultimo contatto ravvicinato con caso accertato positivo.
Sarà poi necessario effettuare un tampone in caso di presenza di sintomi, con l'obbligo di ripetere il test se ancora sintomatici. L'esito negativo di un secondo test dovrà essere attestato dallo studente stesso, tramite autocertificazione.
Proseguiranno le attività scolastiche per tutta la classe nell'eventualità che vi siano più di 4 casi positivi, e qui sta la grossa novità, senza che per questo scatti automaticamente la Dda, con obbligo ancora di mascherine "Ffp2" per 10 giorni.
Gli alunni delle scuole elementari, medie e superiori e del sistema d'istruzione e formazione professionale in isolamento per Covid-19 potranno seguire le lezioni in didattica digitale integrata su richiesta delle famiglie o dell'alunno maggiorenne, accompagnata da specifica certificazione medica.
La loro riammissione in classe verrà subordinata alla semplice dimostrazione di aver effettuato un ulteriore test antigenico rapido o molecolare con esito negativo.
In pratica, si annulla l'attuale sistema delle quarantene previsto in caso di positività comprovata dallo studente contagiato.
Permane poi l'obbligo delle mascherine anche con la fine dello stato d'emergenza, ma con l'eccezione per i bambini fino a 6 anni di età e per i soggetti che presentano patologie o disabilità incompatibili con l'uso delle stesse. La mascherina andrà indossata anche sui mezzi di trasporto e su quelli scolastici, sempre di tipo "Ffp2", fino al 30 aprile. La stessa non andrà indossata durante lo svolgimento di attività sportive.
Per quanto riguarda infine l'obbligo di vaccinazione, permarrà lo stesso fino al 15 giugno per tutto il personale delle scuole, come da decreto stesso:
"La vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni. Nel caso di inosservanza dell'obbligo vaccinale, mentre fino ad ora il personale docente ed educativo è stato sospeso dal servizio e dallo stipendio, dal 1 aprile sarà utilizzato in attività di supporto all'istituzione scolastica. Non andrà in classe ma ritornerà a scuola".
Benzina - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2022
Decreto-energia, bonus benzina da 200 euro e accise giù di 25 centesimi in aiuto ai trasporti
Con il decreto del 21 marzo, intanto, sono stati stanziati 30 milioni agli istituti scolastici per l'acquisto di mascherine e materiale per l'igiene.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала