Bosforo, trovata una seconda mina: forze sottomarine turche al lavoro

© SputnikLo stretto del Bosforo
Lo stretto del Bosforo - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Seguici suTelegram
I media turchi hanno riferito del ritrovamento di una seconda mina nello stretto del Bosforo.
In precedenza, il quotidiano turco Star aveva scritto che all'ingresso del Bosforo si osserva il movimento di un oggetto simile a una mina.
Successivamente, il ministero della Difesa turco ha confermato che l'oggetto trovato era una mina e ha annunciato contatti con Mosca e Kiev su questo tema.
Lo stretto è stato chiuso al traffico navale e il traffico per circa due ore, prima del via libera alla ripresa.
"Notizia dell'ultimo minuto: ua seconda mina segnalata sul Bosforo", ha twittato il giornale turco Dünya.
Le forze di difesa subacquea turche sono al lavoro sul fondale dello stretto, dov'è stata segnalata la presenza della seconda mina.

Pericolo mine

Nei giorni scorsi, il Servizio di Sicurezza russo aveva comunicato che l'esercito ucraino, dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia, aveva piazzato circa 420 mine nelle vie di accesso ai porti di Odessa, Ochakov, Chernomorsk e Yuzhnoe.
A causa delle correnti marine, l'FSB russo, non aveva escluso l'eventualità di vedere le mine installate dagli ucraini alla deriva nel Bosforo e nel bacino del Mediterraneo.
Come riportato dal quotidiano Hürriyet, la Marina turca, a seguito del rapporto dell'FSB, ha chiesto alle navi di segnalare e tracciare eventuali mine alla deriva.
A sua volta, il presidente turco Tayyip Erdogan ha affermato che il ministero della Difesa turco avrebbe adottato tutte le misure necessarie dopo aver ricevuto notizia della possibile presenza di mine alla deriva nel Mar Nero.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала