Biden lancia un altro attacco personale a Putin nel suo discorso a Varsavia

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaIl presidente russo Vladimir Putin e il presidente americano Joe Biden a Ginevra
Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente americano Joe Biden a Ginevra - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Seguici suTelegram
Nell'atteso discorso in Polonia, il presidente americano ha elogiato la lotta dell'Ucraina contro le truppe russe coinvolte nell'operazione militare speciale, esortando poi l'Occidente a prepararsi ad un lungo confronto tra democrazie ed autocrazie.

"L'Ucraina non sarà mai una vittoria per la Russia, dal momento che le persone libere si rifiutano di vivere in un mondo in cui regnano oscurità e disperazione. Avremo un futuro diverso, un futuro luminoso, basato su democrazia e principi, sulla speranza e sulla luce, su decenza e dignità, su libertà e opportunità. Santo cielo, quest'uomo non può rimanere al potere".

La Casa Bianca ha chiarito che il presidente Biden, con l'affermazione "quest'uomo non può rimanere al potere", non stesse facendo riferimento a Vladimir Putin, né invocando un cambio di regime in Russia.

"Il punto del presidente è che a Putin non può essere permesso di esercitare la propria influenza sui suoi vicini o sulla regione. Non stava mettendo in discussione il potere di Putin in Russia, o un eventuale cambio di regime".

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato da Reuters, ha risposto alle dichiarazioni di Biden, sottolineando che non spetta al presidente degli Stati Uniti decidere chi debba essere il presidente della Russia.

"Non sta a Biden decidere. Il presidente della Russia viene eletto dai russi".

Le parole usate da Biden a Varsavia non rappresentano un caso isolato di dichiarazioni offensive da parte del presidente americano nei confronti del presidente russo. Poche ore prima, infatti, Biden non aveva avuto alcuna esitazione a definire Putin "un macellaio".
Il discorso di Biden sulla situazione in Ucraina - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2022
Biden in Polonia incontra i ministri degli Esteri e Difesa ucraini: in arrivo altri aiuti a Kiev
Il 24 febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato il lancio di un'operazione militare speciale in Ucraina in risposta alle richieste di aiuto da parte delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) a seguito dei bombardamenti perpetrati sulle città dalle forze ucraine.
Putin ha affermato che gli obiettivi dell'operazione sono la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina.
Il Cremlino ha ripetutamente sottolineato che le sue forze armate non prendono di mira le infrastrutture civili, ma mirano esclusivamente agli obiettivi militari e alle attrezzature utilizzate dai battaglioni militari e dai nazionalisti ucraini.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала