- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Norvegia: "Nessuna base Nato", insiste il primo ministro Jonas Gahr Støre

© AP Photo / Evan VucciLa sessione plenaria del Summit NATO a Londra
La sessione plenaria del Summit NATO a Londra - Sputnik Italia, 1920, 25.03.2022
Seguici suTelegram
In conformità con una dichiarazione storica datata 1949, citata dal primo ministro Jonas Gahr Støre riguardo alle basi NATO, la Norvegia si astiene dall'ospitare forze militari straniere sul suo territorio durante tempi di pace.
Poiché la NATO ha deciso di rispondere al conflitto in Ucraina con un significativo accumulo di forze nell'est, il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre ha affermato che una maggiore presenza alleata in Norvegia non è un'opzione.
In risposta all'operazione militare speciale della Russia in Ucraina, la NATO ha raddoppiato i suoi gruppi tattici sul fianco orientale dell'alleanza. Oltre ai gruppi tattici già esistenti negli stati baltici e in Polonia, le forze multinazionali della NATO saranno di stanza in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia. Secondo Støre, tuttavia, la Norvegia non riconsidererà la sua politica collaudata nel tempo riguardo le basi militari sul suo territorio.
"La combinazione di storia e geografia può portare a esigenze diverse quando si tratta di sicurezza", ha affermato Støre in una nota. “Siamo riusciti a mantenere basse le tensioni al nord in questi tempi. È un'esperienza che vogliamo salvaguardare. Non abbiamo segnalato la necessità o il desiderio di cambiare questa condizione”.
La storica dichiarazione della Norvegia sulle basi militari del 1949 stabilisce che il paese nordico non accoglierà mai basi per forze militari straniere sul suo territorio in tempo di pace.
Inoltre, la Norvegia afferma di essersi astenuta dal tenere esercitazioni alleate vicino al confine russo.
"Credo che i principi che abbiamo avuto per le esercitazioni alleate abbiano servito bene la Norvegia, il nostro vicinato e la NATO", ha detto Støre.
Questa primavera, il parlamento norvegese deciderà un nuovo accordo di difesa con gli Stati Uniti. L'accordo è stato redatto dal precedente governo Solberg nella primavera del 2021, ma sarà presentato per l'approvazione questa primavera. Potrebbe dare agli americani il diritto di creare infrastrutture in diverse basi militari norvegesi, tra cui Rygge, Sola, Evenes e Ramsund. La Russia ha reagito con forza all'accordo, sostenendo che ciò costituisse una militarizzazione della Norvegia.
In precedenza, la Norvegia ha ricevuto forze dal Corpo dei Marines degli Stati Uniti su base rotativa. La Værnes Air Station funge anche da base di stoccaggio per le forze armate statunitensi nell'ambito del programma di preposizionamento del Corpo dei Marines-Norvegia. Nonostante le critiche dei partiti di opposizione, il governo ha affermato che l'accordo non è in conflitto con la politica norvegese sulle basi militari.
Nel complesso, le relazioni norvegesi-russe, che risalgono all'era vichinga, negli ultimi dieci anni sono diventate sempre più difficili, a causa dei reciproci accumuli militari nel nord, numerose intercettazioni di jet militari, accuse di spionaggio e, in generale, una più dura retorica che mette a dura prova una partnership decennale.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала