Polonia, i genitori di una scuola di Lublino: “Non vogliamo profughi”

© REUTERS / Lukasz GlowalaProfughi ucraini in Slovacchia
Profughi ucraini in Slovacchia - Sputnik Italia, 1920, 24.03.2022
Seguici suTelegram
Per le autorità cittadine si tratterebbe di una caso isolato, ma spiacevole.
I genitori della scuola primaria 16 di Lublino, in Polonia, a seguito di una raccolta di firme hanno inviato una petizione alle autorità cittadine chiedendo di non voler profughi ucraini ospiti nelle strutture della scuola.
“Abbiamo paura per la salute dei nostri bambini, non vogliamo rifugiati nelle loro scuola”, questa la richiesta fatta pervenire alle autorità.
Anche se non tutti i genitori sono d'accordo i firmatari sostengono che a causa della pandemia gli studenti hanno sofferto la mancanza di lezioni in classe e l'impossibilità di praticare sport, ed ora non possono cedere le loro palestre ai profughi ucraini.
"I genitori della scuola 16 hanno lanciato una petizione che, non c'è bisogno di nasconderlo, è molto triste per noi. Se non vogliono rifugiati a scuola, non ci saranno. Solo una scuola della città ha deciso di fare un passo del genere", ha dichiarato Mariusz Banach, vicesindaco di Lublino, al sito polacco Onet.
La città, sempre secondo Mariusz Banach, sta facendo del suo meglio per accogliere e prendersi cura di tutti i bisognosi, riconvertendo i palazzetti dello sport in punti di accoglienza.
In Polonia finora sono arrivati oltre due milioni di rifugiati dall'Ucraina che sono stati ospitati sia nelle abitazioni private sia nei palazzetti dello sport e nelle scuole.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала