Vicepremier russo Novak: cala fiducia in euro e dollaro, passare a transazioni con valute nazionali

© Sputnik . Mihail KutuzovDollari ed euro
Dollari ed euro - Sputnik Italia, 1920, 23.03.2022
Seguici suTelegram
La fiducia nel commercio di petrolio in dollari ed euro è compromessa per le sanzioni occidentali; in futuro, quando si effettuano pagamenti, occorre passare attivamente alle valute nazionali, ritiene il vicepremier russo Alexander Novak.
Secondo il Wall Street Journal, l'Arabia Saudita sta trattando con la Cina per vendere parte del suo petrolio in yuan. Novak ha riferito ai giornalisti di essere soddisfatto dalla prospettiva che i partner stranieri stiano passando ai pagamenti nella valuta del Paese esportatore o importatore. Secondo il vicepremier, anche le aziende russe sono interessate a questo.
"La valuta denominata in dollari o euro è piuttosto inaffidabile oggi, vediamo che ci sono sanzioni e questo compromette la fiducia in queste valute. In futuro, dobbiamo passare più attivamente alle transazioni nelle valute nazionali. Ciò fornirà maggiori affidabilità", ha detto Novak.
Intanto oggi il rublo si è rafforzato nei confronti del dollaro, sceso per la prima volta da marzo sotto 100 rubli, toccando il livello di 95 rubli per un dollaro come minimo di giornata. Al momento per comprare 1 dollaro nel mercato Forex servono 97,6 rubli, mentre per comprare 1 euro ci vogliono 106,5 rubli.
Il rafforzamento della moneta russa è dovuto alle dichiarazioni rilasciate oggi dal presidente Vladimir Putin, che ha di fatto dato il via libera all'obbligo di pagamento in rubli per petrolio e gas da parte dei cosiddetti "Paesi ostili" della Russia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала