- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Il CICR disposto a facilitare l'evacuazione attraverso i corridoi umanitari in Ucraina

© AP Photo / Darko VojinovicCroce rossa sotto attacco
Croce rossa sotto attacco - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2022
Seguici suTelegram
Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) è ansioso di lavorare per creare corridoi umanitari in Ucraina nel corso dell'operazione speciale russa in atto nel Paese, ha affermato il presidente del CICR Peter Maurer.
Il presidente del CICR è stato in visita nel paese dell'Europa orientale dal 14 al 18 marzo, dichiarando:
"Siamo molto impegnati a facilitare l'accordo [sui corridoi umanitari], ma l'accordo e il consenso devono avvenire tra i militari sul campo che hanno il controllo dei territori, che hanno il potere di decidere sulla decontaminazione delle vie di uscita e sullo sminamento delle stesse", ha detto Maurer.
Il funzionario ha poi evidenziato il coinvolgimento del CICR nell'evacuazione delle persone dalla città di Sumy la scorsa settimana.

"Quello che possiamo fare è discutere con Russia e Ucraina sulla base della nostra esperienza fatta in molti altri luoghi del mondo. Abbiamo una check list su che cosa considerare quando si parla di corridoi. Abbiamo bisogno di accordi, accordi precisi sulle direzioni, sulle strade, abbiamo bisogno di coordinate sulla posizione dei militari, abbiamo bisogno di accordi tra le forze armate su cosa succede quando ci sono incidenti, canali diretti tra le due parti, tra i comandanti sul campo".

Secondo il presidente, i membri del CICR sono recentemente riusciti a fuggire dalla città di Mariupol, che è circondata dalle forze russe, insieme a migliaia di altre persone.
"Stiamo preparando, pre-organizzando un'assistenza umanitaria a Mariupol, ma è ancora un po' distante e stiamo solo costruendo la logistica. Quando la strada sarà libera speriamo presto di poter fornire assistenza umanitaria a Mariupol", ha spiegato Maurer.
Secondo l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, circa 3,5 milioni di persone hanno già lasciato l'Ucraina per i paesi vicini, di cui 230.000 sono arrivate in Russia, dall'inizio della crisi.
Circa 6,5 ​​milioni di ucraini hanno lasciato le proprie case per altre destinazioni.
Il CICR ha ricevuto oltre 268 milioni di dollari per le sue attività in Ucraina durante l'operazione speciale russa in corso, ha affermato il presidente del CICR.

"Grazie alla generosità dei nostri donatori (...) abbiamo già ricevuto più di 250 milioni. Ora pianificheremo e spenderemo questi soldi con i migliori propositi e per l'assistenza umanitaria in tutta l'Ucraina", ha detto Maurer, osservando che l'organizzazione ha in programma di ricorrere al momento a 164 milioni di dollari.
Maurer ha poi detto di aver discusso dell'espansione dell'assistenza umanitaria in Ucraina e di uno scambio di prigionieri con il governo del Paese, riportando 3 punti su cui è necessario lavorare da parte dell'organizzazione e delle parti in campo:

"In primo luogo, come ridimensionare, accelerare, adottare l'assistenza umanitaria per l'attuale scenario della crisi, per i bisogni di base. Questa è stata una parte importante del nostro lavoro. In secondo luogo, per discutere con il governo ucraino la delicata questione degli obblighi che ciascuno deve avere circa le convenzioni di Ginevra: i prigionieri, i detenuti, i cadaveri, le persone scomparse e come trattare ciascuno di questi problemi e come prepararsi eventualmente per gli scambi futuri; (...) infine, le modalità di come il CICR potrà lavorare per facilitare i corridoi [umanitari] e le evacuazioni".

Il funzionario ha anche affermato che Kiev dispone ancora di infrastrutture sanitarie e sociali funzionanti, nonostante i combattimenti durante l'operazione militare russa, ma Kharkiv e Mariupol sono tra le città in cui la situazione umanitaria è più terribile.
Le conseguenze di un bombardimento di una casa a Dokuchaevsk, regione di Donetsk. - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2022
Le forze armate ucraine hanno bombardato 8 volte Donetsk
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала