- Sputnik Italia, 1920
La situazione in Ucraina
La Russia ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio dopo che le Repubbliche del Donbass hanno chiesto aiuto a causa dei continui attacchi delle forze di Kiev.

Azienda svedese ritira il suo latte Kefir dagli scaffali: ricorda troppo la Russia

© Sputnik . Alexandr KryazhevLatte
Latte - Sputnik Italia, 1920, 22.03.2022
Seguici suTelegram
Il kefir di un’azienda svedese è stato ritirato dagli scaffali, in quanto la sua etichetta, che riporta delle cupole stilizzate che ricordano la basilica di San Basilio che si affaccia sulla Piazza Rossa, ricorda troppo la Russia.
Il kefir è una bevanda ricca di fermenti lattici, ottenuta dalla fermentazione del latte grazie a granuli formati da un polisaccaride chiamato kefiran, che ospita colonie di batteri in prevalenza mesofili e lieviti in associazione simbiotica. Originario del Caucaso, è una bevanda dalla consistenza maggiore del latte, ma inferiore allo yogurt, dal gusto fresco e acidulo con proprietà molto salutari ed estremamente popolare in tutti i paesi post-sovietici, tanto che è uno degli alimenti simbolo della Russia.
Proprio perché il kefir è associato alla Russia, la Arla, azienda svedese che tuttavia utilizza materie prime solamente nazionali, aveva evidentemente pensato di stampare sui suoi tetrapak le cupole stilizzate di San Basilio. Con l’inizio dell’operazione in Ucraina, l’azienda svedese si è improvvisamente trovata a rivalutare le proprie scelte di design grafico, perché quell’associazione mentale evocata dall’etichetta sarebbe ora cambiata, ritiene la dirigenza.
“È vero che Arla ha scelto di interrompere temporaneamente la vendita del Kefir. Il contenuto del prodotto è composto al 100% da materie prime svedesi, ma la confezione presenta un'illustrazione della Piazza Rossa a Mosca e, vista la situazione che c’è in questo momento, non vogliamo essere associati alla Russia e al regime russo. Pensiamo che l'illustrazione da sola porti pensieri su questo e non vada bene”, ha detto all'emittente televisiva SVT la responsabile delle comunicazioni di Arla, Caroline Starck.
Al contrario, le vendite di smetana, altro prodotto molto comune nella cucina russa (si tratta di una panna acida), continueranno imperturbabili, poiché Arla ha ritenuto la sua confezione più neutra.
La decisione del colosso lattiero-caseario danese-svedese ha suscitato un'ondata di indignazione su Twitter, con commenti che vanno dall’ironico, al sarcastico al decisamente indignato.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала