Tribunale russo bandisce Facebook e Instagram per "estremismo"

© Depositphotos / CarballoИконки Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp на экране смартфона
Иконки Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp на экране смартфона - Sputnik Italia, 1920, 21.03.2022
Seguici suTelegram
Nella sentenza del tribunale di Mosca si evidenzia che il divieto alle attività di Meta non si estende sulla popolare app di messaggistica istantanea WhatsApp.
La Corte Versky di Mosca ha vietato Facebook e Instagram in Russia per attività estremiste, riferisce il corrispondente di Sputnik dall'aula del tribunale. La sentenza sarà immediatamente operativa, ha affermato il tribunale.
La Procura Generale russa aveva spiegato l'istanza contro i social del gruppo Meta in base al desiderio di proteggere i russi da ulteriori violazioni dei loro diritti. Ad esempio Instagram ha ignorato più di 4.500 richieste di rimozione di fake sull'operazione speciale della Russia in Ucraina e sulle manifestazioni non autorizzate.
Secondo i procuratori russi, le informazioni estremiste minacciano sia gli individui che la società nel suo complesso. L'azienda, sottolinea la Procura Generale, viola le proprie regole consentendo richieste di uccisione di militari russi.
Il procuratore ha sottolineato che la sentenza non si applica al servizio di messaggistica istantanea WhatsApp, inoltre le persone comuni non saranno soggette ad azioni giudiziaria per l'utilizzo dei servizi dei social di Meta.
A sua volta la rappresentante di Meta ha obiettato che gli utenti russi fanno affidamento su questi siti come piattaforma di comunicazione. Le informazioni che hanno causato reclami sono solo una parte insignificante del flusso totale e la società ha già pagato multe per violazioni.
Allo stesso tempo, in caso di blocco, un'enorme quantità di "informazioni coerenti" diventerà inaccessibile, ha sottolineato Meta.
In precedenza le piattaforme social di Meta, alla luce degli eventi in Ucraina, ha temporaneamente revocato dalla propria politica di censura di cancellare gli appelli alla morte contro i militari russi, "ma non contro la popolazione civile della Federazione Russa".
Logo di Facebook e Meta - Sputnik Italia, 1920, 11.03.2022
Cremlino: vietare Facebook e Instagram se hanno consentito incitazione alla violenza contro i russi
Successivamente la Procura Generale russa ha sollevato la questione del riconoscimento di Meta come organizzazione estremista e il Comitato Investigativo della Federazione Russa ha avviato un fascicolo penale per estremismo e favoreggiamento del terrorismo.
Il vicepresidente di Meta Nick Clegg in seguito ha spiegato che la nuova politica si sarebbe applicata solo in Ucraina e ha assicurato che Meta "non tollererà la russofobia".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала