Medico ucraino invoca "la castrazione" dei prigionieri di guerra, il CI russo aprirà un caso

CC BY-SA 4.0 / / Gennady Druzenko, capo del progetto ucraino "Mobile Hospital"
Gennady Druzenko, capo del progetto ucraino Mobile Hospital - Sputnik Italia, 1920, 21.03.2022
Seguici suTelegram
Il comitato investigativo russo ha deciso di aprire un'indagine nei confronti di un medico ucraino che ha invocato la castrazione dei prigionieri di guerra russi.
Stando a quanto riportato sul canale Telegram del Comitato investigativo russo, il presidente del comitato investigativo russo Alexander Bastrykin ha incaricato di aprire un procedimento penale contro un medico ucraino che esorta a compiere "violenze brutali" contro i soldati russi catturati.
Secondo quanto emerso dall'indagine, Gennady Druzenko, a capo del progetto ucraino "Mobile Hospital", incita ad una inaudita e inusuale violenza contro i soldati russi catturati tramite un video andato in onda su un canale televisivo ucraino, "dando tale istruzione agli stessi medici degli ospedali da campo".
L'istruzione incriminata, secondo i media, riguarda l'ordine "di castrare i prigionieri russi feriti".
Il video riportato qui in calce mostra il momento in cui il medico incriminato incita ad una tale azione, riportando:
"Il capo del progetto ucraino "Mobile Hospital" Gennadiy Druzenko ha rilasciato una dichiarazione completamente scioccante in diretta sul canale televisivo "Ucraina 24".

Ha chiesto la castrazione dei soldati catturati delle forze armate russe.

Un altro potenziale obiettivo per il Comitato Investigativo della Federazione Russa. Invia questo messaggio a tutti i tuoi amici, in particolare a quelli che vivono all'estero. Il mondo dovrebbe sapere come sono l'Ucraina moderna e i suoi canali televisivi di stato".
Nel video suddetto si sente il "medico" ucraino dire testualmente:

"L'attrezzatura tecnica di Putin brucia bene, i corpi dei soldati di Putin puzzano, ma non sono più una minaccia, io ai miei medici ho sempre dato istruzione di essere "umani", e di considerare un ferito già non più come nemico, bensì come un paziente, ma adesso (ho dato) un ordine molto duro, vale a dire di castrare tutti gli uomini (feriti), loro (i soldati russi, n.d.r.) non sono persone ma scarafaggi, e così grazie a tutti i medici che sono impiegati a salvare pazienti, i russi moriranno in grande quantità, chi viene qui ricorderà l'orrore della terra ucraina così come i tedeschi ricordano Stalingrado, e verranno tutti giudicati".

Druzenko ha poi cambiato idea però scrivendo sui socia che non castrano nessuno e non ne hanno intenzione.
"Sono state le emozioni. Mi dispiace. Salviamo le vite. Punto", conclude Druzenko.
Il presidente del comitato investigativo della Federazione Russa Alexander Bastrykin ha incaricato di aprire immediatamente un procedimento penale e di fornire una valutazione procedurale delle azioni di Druzenko.
"Le generalità del medico verranno ora incluse in una lista di ricercati internazionali per stabilire dove si trovi il medico che ha assunto una posizione contraria alla legge e contraria alle norme dell'etica medica", si legge nel comunicato.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала