Il ritorno del Dodo? Scienziati sperano che la scoperta del DNA riporti indietro l'uccello estinto

© Foto : Jebulon [CC0]Dodo - modello di cera al Museo di Storia Naturale di Parigi
Dodo - modello di cera al Museo di Storia Naturale di Parigi - Sputnik Italia, 1920, 19.03.2022
Seguici suTelegram
Ampiamente usato come simbolo della cultura di massa dell'estinzione indotta dall'uomo, il Dodo si estinse tra il 1681 e il 1790. L'uccello era incapace di volare e riconoscibile dal suo caratteristico becco massiccio.
Gli scienziati potrebbero essere vicini a riportare in vita l'estinto Dodo, avendone recentemente riscoperto il DNA e avendo sequenziato l'intero genoma dell'animale scomparso da tempo.

È stata Beth Shapiro dell'università della California di Santa Cruz a dare la notizia, rivelando che l'intero genoma del Dodo verrà reso noto al Museo di storia naturale della Danimarca. Ha descritto i risultati durante un incontro della Royal Society dal titolo "Possiamo riportare in vita gli animali estinti?".

"Tuttavia, ottenere la sequenza genetica non mette la parola "fine" al lungo e impegnativo percorso per riportare il Dodo in vita", ha osservato la dott.ssa Shapiro. I mammiferi, secondo lei, sono più semplici da ricreare, diffati ne è stata possibile la clonazione.

"Non sappiamo come farlo con gli uccelli a causa della complessità dei loro percorsi riproduttivi. Sarà necessario un altro approccio", ha spiegato la Shapiro.

L'approccio stesso resta da elaborare, ma una delle soluzioni potrebbe essere collegata al parente vivente più prossimo del Dodo: il piccione delle Nicobare, Caloenas nicobarica.
Il suo DNA potrebbe eventualmente essere modificato per includere i Dodo. Anche se dovesse funzionare questo approccio, però, il risultato non sarà necessariamente un vero e autentico Dodo, identico in tutto e per tutto all'originale; la strada sarà ancora lunga.

Durante lo studio, gli scienziati hanno anche toccato il tema di tutti i possibili effetti che il riportare le specie dall'estinzione potrebbe avere su quelle attualmente in vita.
Commentando la questione, il professor Mike Benton dell'Università di Bristol, ha ricordato un certo animale estinto che non sarebbe solo difficile da riportare in vita, ma anche potenzialmente pericoloso: "Se riporti in vita il T-Rex, forse la cosa non sarebbe così popolare, verosimilmente provocherebbe rivolte e causerebbe il caos", ha detto all'incontro.
Con il Dodo il caso potrebbe essere "molto più fattibile in termini di ambiente" poiché questo uccello ha un habitat ben noto. Quando l'animale esisteva ancora, il suo habitat principale, secondo gli scienziati, erano i boschi nelle zone costiere più aride dell'isola di Mauritius.
E' nato un cucciolo unico dopo l'accoppiamento di un asino e una zebra - Sputnik Italia, 1920, 17.01.2022
ll più antico animale ibrido "bioingegnerizzato" del mondo scoperto in Siria
L'area è nota per il suo clima tropicale mite. Se i ricercatori riusciranno ad affrontare le sfide dell'ingegneria della specie e a trovare un habitat adatto per i Dodo tre secoli dopo la sua estinzione, allora forse la Terra accoglierà di nuovo una delle sue più simpatiche creature, presto.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала