Covid, Iss: contagi in risalita, aumentano incidenza ed Rt

© REUTERS / DANISH SIDDIQUIMalati di COVID-19 ricoverati nelle terapie intensive dell'ospedale Sacra Famiglia di Nuova Delhi in India
Malati di COVID-19 ricoverati nelle terapie intensive dell'ospedale Sacra Famiglia di Nuova Delhi in India - Sputnik Italia, 1920, 18.03.2022
Seguici suTelegram
In aumento il rischio delle regioni, che per quattro diventa alto. In diminuzione l'occupazione delle terapie intensive, stabile in area medica.
Negli ultimi sette giorni i contagi hanno ripreso a salire, con un aumento dell'incidenza e dell'indice di trasmissione. Lo rilevano i dati del monitoraggio condotto nel periodo tra ll'11 e il 17 marzo dall'Istituto superiore di sanità-ministero della Salute.
A livello nazionale, l'incidenza settimanale di Covid ha raggiunto 725 casi su 100.000 abitanti, rispetto ai 510 del periodo precedentemente osservato. Cresce anche l'Rt, che raggiunge 0,94, poco al di sotto della soglia epidemica. L'indice dei contagi basato sui casi con ricovero ospedaliero è pari a 0,90 (0,88-0,93) all'8 marzo, rispetto a 0,82 (0,79-0,85) al 1° marzo.

Situazione negli ospedali

L'aumento dei contagi non si riflette ancora sulle strutture sanitarie, con un tasso d'occupazione a livello nazionale che si mantiene stabile al 12,9% (rilevazione giornaliera al 17 marzo), rispetto alla settimana precedente.
In terapia intensiva il tasso di occupazione a livello nazionale è al 4,8% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 17 marzo), in calo rispetto al 5,5% (rilevazione al 10 marzo).
Rispetto alla settimana precedente, aumenta il rischio delle Regioni. Sono quattro quelle classificate a rischio alto di progressione di Covid-19, mentre quindici Regioni/PA sono a rischio moderato, di cui due ad alta probabilità di progressione a rischio alto.
Le altre sono classificate a rischio basso.

In calo i casi rilevati da tracciamento

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in calo al 14%, rispetto al 17% della scorsa settimana.
La percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi è stabile al 37%, mentre aumenta a 49% quella dei casi diagnosticati attraverso attività di screening.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала