Addio a mascherina e green pass: il piano d'azione per il ritorno alla normalità

© Sputnik . Evgeny UtkinPersone indossano mascherina in Italia
Persone indossano mascherina in Italia  - Sputnik Italia, 1920, 17.03.2022
Seguici suTelegram
Il governo lavora ad un calendario per la fine delle restrizioni anti-Covid, nonostante la risalita della curva dei contagi.
Il Consiglio dei Ministri in corso dovrà definire il calendario degli allentamenti alle restrizioni anti-contagio a partire dal 31 marzo, data in cui terminerà lo stato d'emergenza per la pandemia di Covid-19.
Nonostante la curva epidemica sia in risalita, con un aumento di casi anche nelle scuole, il governo tira dritto con l'obiettivo di arrivare all'estate senza restrizioni. La cabina di regina si è riunita stamane per stilare il cronoprogramma presentato al CdM.
In apertura, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ringraziato il ministro della Salute, Roberto Speranza, il Comitato tecnico scientifico e i vertici Silvio Brusaferro e Franco Locatelli per lo "straordinario lavoro" svolto nei due anni di emergenza pandemica e per aver consentito al governo di di prendere decisioni "col conforto della scienza".
Le proposte licenziate dal Cts sono al vaglio dei ministri, che definiranno il piano d'azione per il ritorno alla normalità. Ecco le possibili date clou:
31 marzo: fine dello stato d'emergenza, si scioglie il cts e decade la struttura commissariale. In base a fonti ministeriali riportate dalla stampa nazionale, per il dopo-Figliuolo si pensa ad un'unità operativa creata ad hoc dal ministero della Salute per continuare con la campagna di vaccinazione;
1° aprile: potrebbe finire l'obbligo di green pass rafforzato per gli ultracinquantenni nei luoghi di lavoro, sui mezzi di trasporto pubblici e nei locali all'aperto di ristoranti, bar, trattorie, etc. Inoltre, in vista di un rilancio del settore turistico il certificato verde potrebbe non essere più necessario per accedere a strutture ricettive, per i musei e le mostre e le attività commerciali. Inoltre, potrebbero decadere le quarantene da contatto anche per non vaccinati e l'obbligo di mascherine ffp2 nelle scuole, in favore della chirurgica. Infine dovrebbe finire il sistema dei colori nelle regioni;
1° maggio: in questa data potrebbe venire eliminato l'obbligo di green pass e di mascherine al chiuso. Inoltre, potrebbe decadere l'isolamento per i positivi asintomatici;
1° giugno: possibile stop all'obbligo di indossare le mascherine Ffp2 al chiuso per i mezzi del trasporto pubblico locale, funivie, palestre e altri sport al coperto, aerei, treni e navi. Novità per le discoteche, che potrebbero tornare a lavorare anche al chiuso con una capienza al 100%, rispettando i protocolli di sicurezza;
15 giugno: termina l'obbligo vaccinale per i lavoratori ultracinquantenni. Probabile stop all'obbligo del green pass sul lavoro;
Fine 2022: dalle indiscrezioni della cabina di regia, sino a fine anno resterà l'obbligo di vaccino solo per il personale sanitario e delle Rsa, mentre decade per il comparto scuola e sicurezza.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала