Norvegia, lo scioglimento dei ghiacci svela una freccia di cacciatori di renne di 1700 anni fa

Bergen, Norvegia - Sputnik Italia, 1920, 15.03.2022
Seguici suTelegram
I ghiacciai di tutto il mondo si sono ridotti a causa del cambiamento climatico. In Norvegia, lo scioglimento di questi "giganti di ghiaccio" riporta alla luce dei veri tesori, come la freccia scoperta sulla montagna di Sandgrovskaret.
Secondo i dati riportati dalla Norwegian Water Resources and Energy Directorate (NVE), i ghiacci del Jostedalsbreen e Folgefonna si sono ritirati in media di 33 metri nel solo corso del 2018.
Armi risalenti a più di un millennio fa, comprese antiche frecce di cacciatori di renne, sono state trovate su una remota montagna da una squadra di archeologi glaciali in Norvegia.
Si stima che tre delle cinque frecce scoperte durante un'indagine su una parte della vetta della montagna Sandgrovskaret abbiano fino a 1.700 anni. Un'altra scoperta affascinante sono le 40 postazioni da caccia in pietra, che i cacciatori usavano per diventare "invisibili" alle renne.
"Quando la renna si avvicinava ad almeno 10-20 metri, il cacciatore si alzava e iniziava a tirare frecce", ha detto Lars Pilø, archeologo presso il Dipartimento dei Beni Culturali dell' Innlandet County Council, Norvegia.
Pilø, che è anche co-direttore del Glacier Archaeology Program ed editore del giornale online Secrets of the Ice, cerca manufatti emersi dallo scioglimento dei ghiacciai. Il sito in questione è stato effettivamente scoperto nel 2013, tuttavia un'indagine approfondita è stata effettuata solo nel 2018.

"A causa del cambiamento climatico, i ghiacciai si stanno sciogliendo notevolmente e abbiamo dovuto dare priorità ad altri siti nella breve finestra temporale utile per il lavoro sul campo", ha spiegato Lars Pilø.

Tre delle cinque frecce hanno mostrato punte in ferro. La loro analisi ha permesso agli esperti di datarle tra il 300 e il 600 d.C. Si ritiene che le altre 2 frecce risalgano al primo millennio a.C.
Inoltre, una delle tre punte è "un tipo raro non trovato prima sul ghiaccio e raramente nelle tombe delle pianure", ha affermato Pilø in un messaggio per Live Science.
The Secrets of the Ice ha annunciato i risultati sulla loro pagina Facebook il 19 febbraio e sono immediatamente giunti "molti commenti sul fatto che potesse essere una punta di una lancia, ma l'asta della freccia è stata trovata accanto ad essa, quindi è una freccia", ha aggiunto l'archeologo.
La scoperta ha aiutato gli scienziati a ricostruire una scena probabile di quei tempi antichi: i cacciatori di renne armati con le armi molto probabilmente si nascondevano in questi rifugi in pietra.

"Le renne sono molto diffidenti nei confronti dei movimenti, quindi i cacciatori hanno dovuto rendersi invisibili per arrivare a distanza di tiro", riporta il post degli archeologi su Facebook.

Poiché molto probabilmente le frecce erano in grado di viaggiare ad una distanza massima di circa 20 m, "i cacciatori avevano bisogno di un buon posto dove nascondersi. E se non ce n'era uno, ne costruivano uno loro stessi". Per quanto riguarda il luogo in cui vivevano i cacciatori, si ipotizza che probabilmente fosse giù a valle.
La squadra archeologica ha anche trovato 77 pezzi di corna di renna e osso e 32 "bastoni" datati tra il 200 e il 1.000 d.C., cioè all'età del ferro, che venivano conficcati nel terreno per guidare le renne verso gli arcieri, ha affermato la squadra.
Le pitture rupestri di Lascaux  - Sputnik Italia, 1920, 06.03.2022
Archeologia, Cina: ritrovate pitture rupestri animali sui monti Helan
La scoperta arriva quando i ghiacciai si stanno riducendo in tutta la Norvegia, dove la più grande diminuzione è riscontrata nel Nordland, nel nord della Norvegia. L'analisi ha mostrato che lì sono andati persi 186 chilometri quadrati di ghiacciaio, secondo un comunicato stampa della ricercatrice glaciale Liss M. Andreassen della NVE.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала