Coldiretti, l’aumento delle bollette si riflette sui prezzi degli alimenti

© Foto : fornita dall’Ufficio stampa Coldiretti LombardiaEttore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia
Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia - Sputnik Italia, 1920, 15.03.2022
Seguici suTelegram
Secondo il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, è necessario ridurre la dipendenza dall'estero.
Secondo un'analisi condotta da Coldiretti, l’aumento delle bollette, combinato con quello di benzina e gasolio, si riflette in modo drammatico sui prezzi degli alimenti.
Coldiretti ha registrato aumenti del 9% sulla farina, del 12% sulla pasta, del 6% sul pesce, dell'11% sul burro, del 7% sulla frutta, fino al 17% per la verdura e fino al 20% per gli oli di semi.

"In un Paese come l'Italia dove l'85% delle merci per arrivare sugli scaffali viaggia su strada l'aumento dei prezzi di benzina e gasolio ha un effetto a valanga sui costi delle imprese e sulla spesa di consumatori con il rischio di alimentare psicosi, accaparramenti e speculazioni. L'aumento dei costi si estende all'intera filiera agroalimentare", dichiara Coldiretti in una nota.

Il caro energia, con l'aumento dei prezi di gasolio e benzina, ferma i trattori e i pescherecci, spegne le serre e aumenta la dipendenza italiana dall'estero per l'importazione dei prodotti alimentari, è fondamentale quindi, secondo il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, mettere in atto politiche finalizate al contenimento dei costi di gasolio e benzina e tendenti alla riduzione della dipendenza dall'estero per l'import alimentare.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала