Di Maio: “Subito una tregua umanitaria in Ucraina. Continuare a indebolire Putin”

© SputnikLuigi di Maio e Sergey Lavrov
Luigi di Maio e Sergey Lavrov - Sputnik Italia, 1920, 12.03.2022
Seguici suTelegram
Il ministro degli Esteri ribadisce la centralità del lavoro diplomatico e parla di piccoli passi avanti fatti ad Antalya. Ribadisce che la no-fly zone è esclusa e spinge sulla diversificazione energetica con un nuovo viaggio in Congo e Angola.
Proseguire sul fronte della diplomazia, aumentare la pressione delle sanzioni, stabilire un cessate il fuoco, lavorare per diversificare gli approvvigionamenti energetici, mettere in sicurezza le centrali nucleari in Ucraina e assistere Kiev aprendo la strada dell’ingresso nell’Unione Europea.
Sono questi alcuni dei punti che il ministro degli Esteri Luigi Di Maio illustra nelle tre interviste rilasciate a Repubblica, Corriere della Sera e La Stampa al rientro dalla Turchia, dove ha partecipato al Forum della diplomazia di Antalya, e in partenza per Angola e Congo con l’ad di Eni Claudio Descalzi, per aggiungere nuovi partner energetici dopo Qatar, Algeria e Libia.
“Serve subito una tregua umanitaria sotto l’egida dell’Onu per mettere in salvo più persone possibili. Non una pausa di dieci ore, non in orario d’ufficio: servono giorni”.
Per Di Maio, infatti, “le ultime ore ci fanno essere più pessimisti”, ma bisogna proseguire sulla via tracciata.
“Per evitare l’escalation dobbiamo indebolire pesantemente Putin con le sanzioni. Non è vero che non stanno funzionando. Pagare solo in rubli significa che il default praticamente è già avvenuto”.
Per questo, “più indeboliremo l’economia russa, meno Putin avrà la possibilità di finanziare questa guerra”.
E ribadisce: “Non voglio apparire staccato dalla realtà rispetto a quel che accade, ma la diplomazia è l’unico modo per impedire che il conflitto dilaghi. Non è un caso se ai confini dei paesi Nato ci sono maggiori truppe, più aerei. Facciamo deterrenza, non entriamo nel conflitto”.

Putin dimostri che vuole la pace

Secondo Di Maio, ad Antalya, nonostante il fallimento del negoziato tra i ministri degli Esteri di Ucraina e Russia, Dmytro Kuleba e Sergey Lavrov, si sono fatti passi avanti: c’è la disponibilità a un nuovo faccia a faccia e “Putin è disponibile a incontrare Zelensky”.
L’incontro deve essere preparato e “sta a Putin dimostrare di volere la pace”.
E sulle accuse di crimini di guerra, spiega: “Abbiamo presentato la procedura alla Corte penale internazionale. Ora è importante verificare i crimini di guerra. Io vedo attacchi brutali e disumani dell’esercito russo contro civili indifesi: è inaccettabile”.

La no-fly zone causerebbe un’escalation

Il ministro degli Esteri, nelle tre interviste, sottolinea che l’Italia agisce con ogni mezzo diplomatico “per evitare che la guerra arrivi in Europa, ma non entriamo in conflitto. È stato chiaro Biden e lo siamo stati noi, chi dice che l’Italia è in guerra afferma una cosa errata”.
“Abbiamo ribadito l’impossibilità di stabilire una no-fly zone e di fornire jet di combattimento all’Ucraina da Polonia o Slovacchia. Si rischia di allargare il conflitto, la conseguenza sarebbe una guerra mondiale”.

Sanzioni e gas

Il ministro accoglie anche il quarto pacchetto di sanzioni, annunciato ieri dopo il vertice UE, dove non si esclude niente, neanche il bando del gas russo.
Presidente della Francia, Emmanuel Macron - Sputnik Italia, 1920, 11.03.2022
Macron: UE potrà imporre "sanzioni massicce" contro la Russia
“Nel frattempo, lavoriamo alla diversificazione energetica, che ci permette di abbassare i prezzi. In breve tempo saremo in grado, con la dovuta prudenza, di superare le criticità della rigassificazione italiana”, arrivando all’inverno “con un piano di sicurezza”.
Un traguardo da raggiungere con lo sblocco di più rinnovabili, le autorizzazioni all’eolico e lo sfruttamento del gas nazionale, insieme alla ripresa di alcune centrali a carbone, “ma solo per l’emergenza”.
“Bisogna compensare 29 miliardi di metri cubi che vengono dalla Russia. In due mesi saremo in grado di recuperarne la metà. Sono ottimista”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала