Eni dà lo stop agli acquisti di petrolio russo

© AP Photo / Luca BrunoIl quartiere generale dell'ENI a Milano
Il quartiere generale dell'ENI a Milano - Sputnik Italia, 1920, 10.03.2022
Seguici suTelegram
La decisione arriva due giorni dopo che il Presidente americano Joe Biden aveva annunciato il divieto totale sulle importazioni di risorse energetiche dalla Russia.

"Eni ha sospeso la sottoscrizione di nuovi contratti relativi all'acquisto di greggio o prodotti petroliferi dalla Russia", ha detto un portavoce della compagnia.

La multinazionale italiana del petrolio starebbe anche considerando di vendere la sua quota di partecipazione nel progetto del gasdotto Blue Stream.
Nel progetto di questo gasdotto che dalla Russia giunge in Turchia, passando attraverso il Mar Nero, la quota di Eni ammonta al 50%, mentre l'altra metà delle azioni è controllata da Gazprom.
Eni sarebbe poi intenzionata ad interrompere le sue attività relative al gasdotto Nord Stream 2, già da tempo colpito dalle sanzioni statunitensi.
Dall'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, gli Stati Uniti ei loro alleati europei hanno imposto migliaia di sanzioni ai danni di svariate imprese russe e funzionari governativi. Queste sanzioni interessano tutte le sfere della vita e vanno ad intaccare il settore dell'energia, le banche e i beni di consumo.
Numerosissime compagnie occidentali si sono anche impegnate a lasciare il mercato russo, spingendo il parlamento russo a considerare la nazionalizzazione delle loro proprietà nel Paese.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала