Mosca: biolaboratori in Ucraina impegnati nello sviluppo di componenti per armi biologiche

© Sputnik . Nikolay ProtopopovLaboratorio
Laboratorio - Sputnik Italia, 1920, 09.03.2022
Seguici suGoogle news
Domenica e lunedì, l'esercito russo ha rivelato che l'Agenzia per la riduzione delle minacce alla difesa del Pentagono è stata coinvolta nel funzionamento di oltre 30 laboratori biologici in tutta l'Ucraina, impegnati nello stoccaggio e nella ricerca di numerosi agenti mortali.
Biolaboratori ucraini vicini ai confini con la Russia sono impegnati nello sviluppo di componenti per armi biologiche, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"Negli ultimi giorni, sono stati confermati timori di lunga data che abbiamo espresso ripetutamente per anni in merito allo sviluppo di materiali biologici militari sul territorio dell'Ucraina, sotto gli auspici dei servizi speciali statunitensi", ha dichiarato la Zakharova oggi durante una riunione.

"Ciò è stato confermato sulla base non solo dei materiali e dei dati che sono stati ottenuti operativamente sul territorio dell'Ucraina e non solo sulla base delle dichiarazioni delle agenzie competenti in Ucraina, ma e' stato confermato direttamente da Washington durante un discorso del vicesegretario di Stato americano Victoria Nuland", ha detto la Zakharova.
La portavoce ha affermato che la questione se i componenti delle armi biologiche oggetto di ricerca in queste strutture siano stati distrutti o meno resta da risolvere, ma ha sottolineato la ricezione di documenti da parte dei dipendenti dei biolaboratori che ordinano l'eliminazione di agenti patogeni pericolosi datata 24 febbraio.
La Zakharova ha sottolineato che ora non ci sono più dubbi sulla natura militare della ricerca in queste strutture, sottolineando le rivelazioni dell'esercito russo sui finanziamenti del Dipartimento della Difesa statunitense dei laboratori e la presenza di specialisti statunitensi che istruiscono la parte ucraina sui modi di condurre le ricerche.
In seguito, in un'intervista a Radio Sputnik, Maria Zakharova ha suggerito che le rivelazioni dell'esercito russo sui biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti "cambiano completamente il quadro del coinvolgimento degli Stati Uniti nel destino dell'Ucraina".

"Non è solo uno strumento di influenza, non è solo uno strumento di deterrenza. È uno strumento di minaccia diretta per il nostro paese", ha detto la Zakharova.

In una dichiarazione davanti al Senato, martedì, Victoria Nuland ha ammesso che l'Ucraina ospitava strutture di ricerca biologica e ha detto ai senatori che Washington era "abbastanza preoccupata che le forze russe potessero cercare di ottenere il controllo" di queste strutture e del "materiale di ricerca" in esse contenuto.
"Quindi stiamo lavorando con gli ucraini su come possono impedire che uno qualsiasi di quei materiali di ricerca cada nelle mani delle forze russe se si avvicinano", ha detto la Nuland.
Victoria Nuland - Sputnik Italia, 1920, 09.03.2022
Nuland ammette: ci sono "strutture di ricerca biologica" in Ucraina che potrebbero finire ai russi
L'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoliy Antonov, ha suggerito martedì che le dichiarazioni del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sui biolaboratori ucraini erano un'indicazione dei timori degli Stati Uniti che gli agenti patogeni lì immagazzinati potessero cadere nelle mani degli esperti russi e confermano la violazione da parte degli Stati Uniti della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche.
Il ministero della Difesa russo ha pubblicato domenica documenti che mostrano che il ministro della Salute ucraino, Viktor Liashko, ha ordinato la distruzione di una serie di agenti patogeni pericolosi nelle strutture dei biolaboratori ucraini, tra cui antrace, peste, tularemia, colera e altre malattie mortali.
Il giorno dopo, il ministero della Difesa ha tenuto una conferenza stampa durante la quale ha rivelato che oltre 30 biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti operano in tutta l'Ucraina e che alcune strutture si teme siano impegnate nella produzione di armi chimiche e altre inviino campioni di siero di pazienti di "etnia slava" al Walter Reed Army Institute of Research di Silver Spring, nel Maryland, con il pretesto di testare i metodi di trattamento del COVID-19.
Lunedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha invitato gli Stati Uniti a chiarire la portata delle loro attività biologiche militari in tutto il mondo, sottolineando che il dipartimento della Difesa statunitense controlla circa "336 laboratori biologici in 30 paesi con il pretesto di un lavoro congiunto per ridurre i rischi sulla biosicurezza e rafforzare la salute globale... Quali sono le reali intenzioni dell'America? Cosa stavano facendo esattamente?", ha chiesto Zhao.
I funzionari della sicurezza russa e il ministero degli Esteri hanno passato anni a esprimere preoccupazione per le attività dei biolaboratori finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina e in altre repubbliche post-sovietiche, tra cui Kazakistan, Tagikistan, Kirghizistan, Armenia e Georgia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала