Covid-19, ricerca rivela: nei decorsi severi, può rimpicciolire il cervello e danneggiarne i tessuti

© Fotolia / Sudok1Risolnanza magnetica del cervello
Risolnanza magnetica del cervello - Sputnik Italia, 1920, 08.03.2022
Seguici suTelegram
Il primo grande studio per confrontare le scansioni cerebrali delle persone prima e dopo aver preso il Covid ha rivelato restringimento e danni ai tessuti in regioni legate all'olfatto e alle capacità mentali mesi dopo che i soggetti sono guariti da un decorso severo della malattia.
Quello che viene presentato come il più grande studio fino ad oggi eseguito sulla genetica del Covid-19, oltre a catalogare ben 16 nuove varianti genetiche di questa malattia, ha portato alla luce anche alcuni particolari su certi danni ai tessuti celebrali, che possono emergere dopo un decorso serio della malattia.
Ricercatori dell'Università di Oxford hanno studiato 785 persone di età compresa tra i 51 e gli 81 anni che erano stati sottoposti a doppia scansione celebrare, una prima della pandemia, una durante.
Più della metà di questi sono risultati positivi tra le due scansioni, questo ha permesso di poter compiere agevoli raffronti e trarre alcune conclusioni parziali pubblicate in un apposito studio sulla rivista Nature.
Rispetto a 384 soggetti di controllo non infetti, coloro che sono risultati positivi al Covid hanno avuto una maggiore contrazione complessiva del cervello e della materia grigia, in particolare nelle aree legate all'olfatto. Per l’esattezza, coloro che avevano avuto il Covid hanno perso un ulteriore 1,8% del giro paraippocampale, una regione chiave per l'olfatto, e un ulteriore 0,8% del cervelletto, rispetto ai soggetti di controllo.
L'elaborazione del segnale interrotta in tali aree può contribuire a sintomi come la perdita dell'olfatto. Coloro che sono stati infettati in genere hanno anche ottenuto punteggi più bassi in un test delle abilità mentali rispetto agli individui non infetti.
Ovviamente tutti questi effetti erano più pronunciati nelle persone anziane e in quelle che avevano subito un decorso della malattia severo con ricovero in ospedale.
Non è tuttavia noto se tali cambiamenti siano di natura permanente o reversibili. Per fare questo sarà necessaria probabilmente una terza o una quarta scansione nel prossimo futuro.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала