Ministero Difesa russo: distrutta quasi tutta l'aviazione militare ucraina

© Sputnik . Vitaliy Timkiv / Vai alla galleria fotograficaМногоцелевой истребитель Су-27
Многоцелевой истребитель Су-27 - Sputnik Italia, 1920, 06.03.2022
Seguici suGoogle news
Quasi tutta l'aviazione militare ucraina è stata distrutta, ha riferito oggi ai giornalisti il generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo.
"Praticamente tutta l'aviazione di combattimento del regime di Kiev è stata distrutta", ha detto.
Secondo il portavoce del dicastero militare russo, i caccia e la contraerea delle forze aerospaziali russe hanno abbattuto altri 3 caccia ucraini Su-27 e 3 droni. Complessivamente tra ieri e oggi l'aviazione ucraina ha perso 11 aerei da combattimento e 2 elicotteri.
Konashenkov ha aggiunto che il ministero della Difesa russo è a conoscenza degli aerei da combattimento ucraini che precedentemente erano atterrati in Romania e in altri paesi di confine.
"Si prega di notare che l'uso della rete di aeroporti di questi Paesi per l'aviazione militare ucraina con il successivo utilizzo contro le forze armate russe può essere considerato il coinvolgimento di questi Stati in un conflitto armato", ha affermato il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa.

Prosegue riluttanza forze ucraine all'evacuazione dei civili da Mariupol

L'Ucraina non ha onorato i suoi impegni per garantire corridoi umanitari da Mariupol, ha affermato oggi il ministero della Difesa russo.
"Oggi, nell'ambito di un'operazione umanitaria, la Federazione Russa ha tentato ancora una volta di evacuare i civili da Mariupol, con le rotte, l'ora e il luogo dell'incontro del convoglio umanitario sono stati elaborati in dettaglio e concordati con la parte ucraina. La Russia ha soddisfatto tutte le condizioni per la creazione di un corridoio umanitario. Siamo costretti ad affermare che la parte ucraina non ha adempiuto ai propri obblighi", si legge nel messaggio.
Il dicastero militare russo ha osservato che, secondo i suoi dati, a Mariupol non si sono formati convogli umanitari.
La mattina del 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato un'operazione speciale in Ucraina, descrivendola come un passo necessario per intervenire nelle Repubbliche del Donbass, che affrontando un "genocidio" e le atrocità commesse dal governo nazionalista a Kiev.
La rappresentante permanente degli USA presso l'ONU, Linda Thomas-Greenfield - Sputnik Italia, 1920, 06.03.2022
Rappresentante Usa all'Onu: ancora valido invito a Russia per negoziati su Ucraina
Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che le forze russe non stanno prendendo di mira le città o le infrastrutture sociali dei guarnigioni militari ucraini, al fine di evitare vittime tra i militari e le loro famiglie che risiedono lì, e ha ordinato di trattare il personale militare delle forze armate ucraine "con rispetto".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала