Ucraina: in Italia sequestrati beni di cittadini russi per 140 milioni di euro, anche uno yacht

© SputnikIl proprietario della compagnia mineraria e metallurgica Severstal, Alexei Mordashov
Il proprietario della compagnia mineraria e metallurgica Severstal, Alexei Mordashov - Sputnik Italia, 1920, 05.03.2022
Seguici suTelegram
Bloccati i beni appartenenti ai cosiddetti oligarchi russi, con sequestri per 140 milioni di euro. Ad Imperia finisce sotto sequestro lo yacht di lusso del magnate della metallurgia e siderurgia Mordashov.
Trovano attuazione i primi provvedimenti atti al congelamento in Italia dei beni in possesso di imprenditori e oligarchi russi.
La Guardia di Finanza ha provveduto alla messa in sequestro del maxi yacht Lady M, all'ancora nel porto di Imperia, in Liguria.
Lo yacht, che misura ben 65 metri, appartiene all'oligarca Alexey Mordashov, attuale presidente di Severstal, tra i più grandi gruppi siderurgici al mondo.
Il nome del proprietario di Severstal è finito nella black list dell'Unione Europea.
La stessa sorte ha subito una villa di lusso, Villa Lazzareschi, la cui proprietà è riconducibile a Oleg Savchenko, imprenditore e deputato della Duma. La villa, del valore di circa 3 milioni di euro, si trova in provincia di Lucca.
A rischio anche un altro yacht di lusso, il Lena, imbarcazione di 52 metri e del valore pari a circa 50 milioni di dollari, ancorata al porto di Sanremo. L'imbarcazione è di proprietà di Gennady Timchenko, a capo di Volga Group.
Il gatto Fedya - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2022
Sanzionati anche i gatti russi, non potranno più partecipare alle competizioni internazionali
Dal 24 febbraio, la Russia sta conducendo un'operazione militare speciale in Ucraina per proteggere i civili nelle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk, le cui autorità hanno fatto appello a Mosca per ricevere assistenza in mezzo ai bombardamenti in corso dei loro territori da parte delle forze ucraine.
I rappresentanti della Russia e dell'Ucraina si sono incontrati per il secondo ciclo di negoziati il 3 marzo. Le parti hanno discusso di questioni militari, internazionali e umanitarie, nonché di modi per una risoluzione politica del conflitto, ha affermato Medinsky.
Le parti ai colloqui non sono riuscite a raggiungere alcun accordo al di là della creazione di corridoi umanitari. Tuttavia, hanno deciso di incontrarsi per una terza serie di negoziati nel prossimo futuro.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала