Oggi regime di tregua, aperti corridoi umanitari - ministero Difesa russo

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaDonbass: soldati pattugliano la stazione di Makeevka, vicino a Donetsk in attesa dell'arrivo di un treno per l'evacuazione dei profughi verso la Russia
Donbass: soldati pattugliano la stazione di Makeevka, vicino a Donetsk in attesa dell'arrivo di un treno per l'evacuazione dei profughi verso la Russia - Sputnik Italia, 1920, 05.03.2022
Seguici suTelegram
I corridoi umanitari e le vie di uscita sono stati concordati con la parte ucraina.
Oggi, dalle 10 ora di Mosca (le 8, ora italiana), la parte russa dichiara un regime di tregua e apre corridoi umanitari per l'uscita dei civili da Mariupol e Volnovakha, ha annunciato oggi il ministero della Difesa russo.
"Oggi, 5 marzo, alle 10 del mattino, ora di Mosca, la parte russa ha dichiarato il cessate il fuoco e ha aperto corridori umanitari per consentire l'evacuazione dei civili da Mariupol e Volnovakha", ha riferito il ministro della Difesa ai giornalisti sabato.
Il ministro ha aggiunto che i corridori e le vie d'uscita sono state concordate con la parte ucraina. Ciò fa seguito al rapporto del ministero sulla catastrofica situazione umanitaria nella maggior parte dell'Ucraina, dove città come Kiev, Kharkov, Sumy, Chernigov e Mariupol risultano essere maggiormente colpite dalla crisi umanitaria.
L'assistente del presidente, Mikhail Podolyak, da parte sua, ha affermato che circa 200.000 persone stanno cercando di lasciare Mariupol, mentre "200.000 persone vogliono anche lasciare Volnovakha (nella regione di Donetsk - ndr)".
Al momento, Volnovakha e Mariupol, uno dei porti più grandi dell'Ucraina, sono assediate dalle forze delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR).
Le autorità di Mariupol sostengono da allora di voler approfittare del cessate il fuoco per ripristinare le infrastrutture chiave nella città e rifornire il centro abitato di cibo e medicinali.
Le autorità hanno anche dichiarato che il cessate il fuoco a Mariupol sarà indetto dalle 10 alle 17, ora di Mosca (8-15, ora italiana) e che l'evacuazione della popolazione civile è prevista per le 12 (le 10 in Italia).
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала