Pubblicazione immagini truppe catturate in Ucraina potrebbe violare diritto internazionale – esperto

© Sputnik . Alexey Filippov / Vai alla galleria fotograficaSoldati russi
Soldati russi - Sputnik Italia, 1920, 04.03.2022
Seguici suTelegram
La tattica ucraina di far circolare sui social filmati di soldati uccisi o catturati potrebbe essere una violazione del diritto internazionale e potrebbe minare la strategia di Kiev, ha detto al Washington Post la professoressa della Southwestern Law School, Rachel VanLandingham.
"La legge permette di dire: Stanno [la Russia] facendo cose cattive, quindi possiamo farle anche noi'", ha detto la VanLandingham, ex avvocato difensore dell'aeronautica americana e consulente legale del CENTCOM (United States Central Command), in un articolo pubblicato giovedì.

"Loro [l'Ucraina] non vogliono rivoltare la comunità internazionale contro di loro. Devono essere onesti su questo punto. È davvero pericoloso per loro fare cose che sono chiaramente proibite", ha detto.

L'autenticità delle foto e dei video utilizzati dall'Ucraina non può essere verificata in modo indipendente, afferma il rapporto, come anche non possono essere confermate le affermazioni dei funzionari ucraini secondo i quali tutti i soldati ripresi sarebbero russi.
Ci sono state immagini pubblicate su varie piattaforme di social media, da quando è scoppiato il conflitto, che mostrano soldati russi morti sui campi di battaglia in tutta l'Ucraina, afferma il rapporto. Uno dei canali Telegram che fa circolare tali foto ha oltre 620.000 abbonati, secondo il rapporto.
Telegram, Twitter e YouTube sono alcune delle principali piattaforme di social media in cui è possibile trovare queste foto e video.
Il ministero dell'Interno ucraino da domenica pubblica immagini estremamente esplicite e invita i russi a visualizzarle per identificare eventualmente qualcuno che potrebbero conoscere, afferma il rapporto.
Funzionari ucraini hanno affermato che tali immagini servono a mostrare ai russi la devastazione dell'operazione militare, aggiunge il rapporto.
Il rapporto afferma anche che questa tattica potrebbe essere considerata una violazione delle Convenzioni di Ginevra, le quali affermano che i governi devono costantemente proteggere i prigionieri di guerra da trattamenti umilianti e degradanti.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала