Il senatore Graham esorta a "eliminare" Vladimir Putin, ambasciata russa chiede spiegazioni agli USA

© AP Photo / Jacquelyn MartinLindsey Graham
Lindsey Graham - Sputnik Italia, 1920, 04.03.2022
Seguici suTelegram
Le relazioni tra Mosca e Washington sono precipitate ai minimi storici a seguito della decisione del Cremlino di avviare un'operazione speciale in Ucraina, che secondo il presidente Putin ha lo scopo di "de-nazificare” e “smilitarizzare" Kiev, oltre a proteggere i residenti delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk.
L'ambasciata russa negli Stati Uniti ha chiesto una spiegazione ufficiale alla Casa Bianca riguardo ad una dichiarazione del senatore Lindsey Graham, che ha chiesto agli esponenti del governo di uccidere il presidente russo Vladimir Putin.
Graham, che è anche membro della Commissione Bilancio del Senato, ha pubblicato una dichiarazione su Twitter, domandandosi se ci sia un Bruto in Russia o "un colonnello Stauffenberg più efficace", riferendosi da un lato al senatore dell’antica Roma coinvolto nell’assassinio di Giulio Cesare e dall’altro all’ufficiale tedesco che progettò il tentato assassinio di Adolf Hitler.

"L'unico modo in cui tutto questo possa finire è che qualcuno in Russia elimini questo ragazzo. Si farebbe un grande servizio al proprio paese e al mondo", ha scritto Lindsey Graham.

In un post successivo, il senatore della Carolina del Sud ha invitato il popolo russo a "risolvere" il problema.

"A meno che non si voglia vivere nelle tenebre per il resto della vita, essere isolati dal resto del mondo in condizioni di estrema povertà e vivere nelle tenebre, bisogna mettersi alla prova", ha scritto.

L'ambasciata russa negli Stati Uniti ha chiesto "una forte condanna delle dichiarazioni criminali di questo americano".
La missione diplomatica ha indicato l'altissimo livello di russofobia e di odio negli Stati Uniti nei confronti della Russia, dicendo che è impossibile credere che un senatore di un paese che predica i suoi valori morali come "stella guida" per tutta l'umanità possa permettersi di chiedere il terrorismo come mezzo per raggiungere gli obiettivi di Washington in campo internazionale.
La dichiarazione di Graham ha suscitato anche una raffica di critiche da parte di giornalisti e parlamentari.
Ilhan Omar, rappresentante degli Stati Uniti per il 5° distretto congressuale del Minnesota, è stato più laconico, scrivendo "Seriamente, ma che c***o?" e invitando poi Graham e altri politici a controllare le proprie emozioni.
La dichiarazione di Graham arriva in un clima di tensioni senza precedenti tra Russia e Stati Uniti sull'operazione speciale di Mosca in Ucraina, ordinata il 24 febbraio dal presidente russo Vladimir Putin con lo scopo di "de-nazificare" e smilitarizzare Kiev, oltre a proteggere i residenti delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR).
Il presidente Putin ha affermato che la Russia non intende occupare l'Ucraina e che non vi è alcuna minaccia per la popolazione civile, poiché le forze russe stanno prendendo di mira solo le infrastrutture militari del paese: basi militari e sistemi di difesa aerea.
Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha descritto l'operazione speciale russa come un'"invasione su vasta scala" e ha respinto le dichiarazioni sulla presenza dei nazisti in Ucraina. Le nazioni occidentali hanno dato il loro sostegno a Kiev, condannando le azioni di Mosca e introducendo le sanzioni più dure contro la Russia mai poste in essere fino ad oggi.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала