Sanzionati anche i gatti russi, non potranno più partecipare alle competizioni internazionali

© FotoIl gatto Fedya
Il gatto Fedya - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2022
Seguici suTelegram
La Federazione Internazionale Felina (FIFe), nata a Parigi nel 1949, ha vietato a tutti i gatti di proprietà russa di partecipare alle sue competizioni. I gatti allevati in Russia non potranno essere importati o registrati nel libro genealogico della FIFe, quale che sia il loro pedigree.
"Il consiglio di amministrazione della FIFe è scioccato e inorridito dal fatto che l'esercito della Federazione Russa abbia invaso la Repubblica ucraina e abbia iniziato una guerra", ha osservato martedì il gruppo. "Molte persone innocenti sono morte, molte altre sono ferite e centinaia di migliaia di ucraini sono costretti a fuggire dalle loro case".
Il gruppo ha aggiunto nella sua dichiarazione che organizzerà donazioni per sostenere gli allevatori di gatti in Ucraina e seguirà le restrizioni contro i felini di proprietà russa almeno fino al 31 maggio, e potrebbe estendere la sanzione a seconda delle operazioni della Russia in Ucraina.
FIFe è un'organizzazione internazionale con sede a Parigi, Francia, composta da 41 membri provenienti da 39 paesi d’Europa, Sud America e Asia. La FIFe è responsabile dell'organizzazione di oltre 700 eventi all'anno, in cui vengono mostrati oltre 200.000 gatti, secondo il loro sito web.
La decisione di punire i gatti per l'"aggressione" russa è così surreale che molti hanno pensato che fosse uno scherzo, all'inizio. La notizia è stata diffusa sulla piattaforma di social media cinese Sina Weibo, dove molti utenti hanno commentato con ironia, altri con incredulità.
La Russia è stata sanzionata da molte organizzazioni sportive internazionali, inclusi gli organismi internazionali di calcio FIFA/UEFA, che hanno bandito tutte le squadre di proprietà russa da tutte le competizioni.
Il presidente russo Vladimir Putin, che ha raccolto molte critiche negli ultimi giorni, apostrofato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un "dittatore", è stato privato della cintura nera dal World Taekwondo.
"Quelle organizzazioni non governative (ONG) e le organizzazioni internazionali dovrebbero essere apolitiche", si è lamentato Cui Heng, un assistente ricercatore presso il Center for Russian Studies della East China Normal University.
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, mercoledì, si è lamentato del fatto che le sanzioni non vengono imposte solo ai funzionari del governo, ma colpiscono anche la vita quotidiana, come un attacco militare a tutta la comunità, la gente comune, indipendentemente dalle loro convinzioni politiche.
"Non pensavo che queste sanzioni, causate da una rabbia impotente, sarebbero andate a colpire anche lo sportivo, lo scambio culturale e avrebbero riguardato i contatti tra le persone", ha rimarcato Lavrov.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала