Romania: 7 militari morti durante una fallita missione di soccorso per individuare un jet scomparso

© Boeing CoRoyal Australian Air Force EA-18G Growler
Royal Australian Air Force EA-18G Growler - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2022
Seguici suTelegram
Mercoledì sera, un pilota di un MiG-21 LanceR dell'aeronautica rumena ha segnalato condizioni meteorologiche sfavorevoli e gli è stato ordinato di tornare alla base, prima che sparisse dai radar.
Il ministero della Difesa rumeno ha confermato che sette persone sono morte dopo che un elicottero militare si è schiantato nell'est della nazione, vicino al Mar Nero, durante una missione di ricerca e salvataggio di un caccia disperso dell'aeronautica militare rumena. Le condizioni dell'aereo rimangono sconosciute.

"Mercoledì sette militari hanno perso la vita in un incidente aereo che ha coinvolto un elicottero IAR 330-Puma. Oltre ai cinque membri dell'equipaggio inizialmente segnalati, a bordo erano presenti anche due soccorritori marittimi delle forze navali rumene. Le operazioni di ricerca e soccorso per il i piloti del velivolo MiG-21 LanceR sono ancora in corso", ha dichiarato il ministero in un comunicato pubblicato sulla propria pagina Facebook.

Secondo il ministero, sono state istituite due commissioni speciali per indagare sugli incidenti, con particolare attenzione alle operazioni di ricerca e salvataggio dell'elicottero Puma.
I funzionari in precedenza avevano affermato che il MIG-21 LanceR dell'86a base aerea ha perso il contatto con la torre di controllo mercoledì sera ed è sparito dai radar durante una missione di pattugliamento aereo nella regione di Dobrogea, nel sud-est della Romania. Poco dopo, l'elicottero IAR 330-Puma è stato incaricato di una missione di ricerca, ma anche questo è scomparso.

Il ministero della Difesa ha affermato che il pilota dell'MiG-21, il cui destino rimane sconosciuto, aveva riferito di condizioni meteorologiche avverse e gli era stato ordinato di tornare alla base, prima che l'aereo da guerra scomparisse dagli schermi radar.

Il sito web di notizie Romania-Insider ha riferito che l'incidente dell'elicottero è avvenuto "a causa dell’incremento delle missioni di polizia aerea" nel paese, presumibilmente a causa dell'operazione militare speciale russa in corso per smilitarizzare e "denazificare" l'Ucraina. L'operazione è stata annunciata dal presidente russo Vladimir Putin il 24 febbraio, dopo una richiesta di assistenza da parte delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk, che hanno assistito a settimane di bombardamenti crescenti da parte dell'esercito ucraino.
G4Media, un altro organo d'informazione rumeno, ha pubblicato filmati che ritraggono il relitto dell'elicottero precipitato in fiamme, sostenendo che c'è stata "un'enorme esplosione" sul Mar Nero a seguito dell'incidente.

Il ministro della Difesa rumeno, Vasile Dincu, ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime dell'incidente in elicottero, affermando che mercoledì è stato "un giorno triste per la famiglia dell'esercito rumeno".

Gli ha fatto eco il premier Nicolae Ciuca, che si è detto "profondamente addolorato per la tragica fine dell'esercito rumeno morto questa notte a Dobrogea".
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала