Ius scholae, arriva il testo base che rivoluziona la cittadinanza

© Sputnik . Danilo Garcia di Meo / Vai alla galleria fotograficaStudentessa durante gli esami di maturità
Studentessa durante gli esami di maturità - Sputnik Italia, 1920, 03.03.2022
Seguici suTelegram
Il relatore ha sottolineato che non si tratta di uno ius soli mascherato ma si tratta di una nuova fattispecie. Il diritto si ritiene acquisito con almeno un ciclo di cinque anni di corso di studi da parte del minore straniero.
Una novità assoluta che potrebbe riguardare circa 800 mila bambini figli di immigrati, nati e cresciuti in Italia, che potranno diventare italiani dopo aver frequentato almeno un ciclo scolastico di cinque anni.
È questa la base della riforma presentata oggi in commissione Affari costituzionali della Camera dal presidente grillino Giuseppe Brescia.
Uno "ius scholae" che porterebbe alla modifica della legge numero 91 del 1992 che si basa sullo ius sanguinis: il diritto cioè alla cittadinanza italiana solo se figlio di almeno un genitore italiano.
Attualmente i bimbi figli di stranieri possono chiedere la cittadinanza dopo i 18 anni, e se hanno risieduto ininterrottamente in Italia.

Brescia: no a polemiche sullo ius soli

Il presidente della Commissione ha sottolineato che il testo mette al centro "il ruolo della scuola come potente fattore di integrazione".
E ha ricordato come “ogni tentativo di riforma è stato fin qui fortemente influenzato da strumentalizzazioni politiche e distorsioni mediatiche che hanno solo alzato il volume della propaganda senza portare alcun cambiamento". Come lo ius soli, bocciato al Senato dopo lunghe polemiche.
Per questo ha scelto un testo semplice, base, che “non presti il fianco a manipolazioni”.
"Lo dico con chiarezza, nel testo proposto, non c'è lo ius soli, ma una nuova fattispecie orientata al principio dello ius scholae".

Il testo della riforma

La modifica proposta da Brescia recita così:
"Il minore straniero nato in Italia o che vi abbia fatto ingresso entro il dodicesimo anno di età e che abbia risieduto in Italia senza interruzione e che abbia frequentato per almeno cinque anni uno o più cicli scolastici”.
Chi ha questi requisiti può fare richiesta di cittadinanza.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала