Nord Stream 2, Russia: "inaccettabile" la decisione di Germania di interrompere la certificazione

© Foto : Nord Stream 2/Axel SchmidtLa costruzione di Nord Stream-2
La costruzione di Nord Stream-2 - Sputnik Italia, 1920, 02.03.2022
Seguici suTelegram
Mosca considera inaccettabile, dal punto di vista del diritto commerciale internazionale, la decisione della Repubblica federale di Germania di interrompere la certificazione del Nord Stream 2, ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.
"Consideriamo inaccettabile e indegna dal punto di vista del diritto commerciale internazionale la decisione delle autorità tedesche di interrompere il processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2", ha affermato la Zakharova in una nota pubblicata sul sito web del ministero degli Esteri russo.

"Riteniamo di avere a che fare con un classico precedente di usare un progetto commerciale come arma politica contro di noi, di cui l'Occidente collettivo in generale e la Berlino ufficiale in particolare sono soliti incolpare Mosca. Le suddette istruzioni al regolatore tedesco sono state emesse dal competente ministero dell'Economia e della Protezione del Clima della Germania, che fino a poco tempo fa parlava del progetto come di un'iniziativa puramente economica di investitori privati. Lo stesso cancelliere tedesco Olaf Scholz, su cui disposizioni dirette sono state intraprese le azioni menzionate, prima era convinto e aveva assicurato che il processo di certificazione Nord Stream 2 è di carattere esclusivamente normativo e non può in alcun modo essere collegato alla congiuntura politica", ha aggiunto la portavoce del dicastero.

Il 23 febbraio, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni nei confronti di Nord Stream 2 AG e del suo CEO Matthias Warnig. Inoltre, l'ente governativo ha pubblicato una licenza generale, che richiede di completare tutte le operazioni con Nord Stream 2 AG entro il 2 marzo 2022.
La mattina del 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato un'operazione speciale in Ucraina, descrivendola come un passo necessario per intervenire nelle Repubbliche Popolari del Donbass, che stavano affrontando un "genocidio" e le atrocità commesse dal governo nazionalista a Kiev.
Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che le forze russe non stanno prendendo di mira le città o le infrastrutture sociali delle guarnigioni militari ucraine, al fine di evitare vittime tra i militari e i membri delle loro famiglie che lì risiedono, e ha ordinato di trattare il personale militare delle forze armate ucraine "con rispetto".
I paesi occidentali in risposta hanno annunciato ulteriori sanzioni che si introducevano dal 2014. Soggette alle nuove restrizioni sono state diverse banche, per via delle misure introdotte un certo numero di compagnie riscontreranno difficoltà nell'attrarre capitali stranieri, sono state imposte sanzioni alla fornitura di prodotti high-tech alla Russia, la Germania ha interrotto la certificazione del gasdotto Nord Stream 2. I paesi dell'UE, gli Stati Uniti e il Canada hanno annunciato la decisione di chiudere lo spazio aereo agli aerei russi.
Il Nord Stream 2 è costituito da due rami, con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno, che collegano le coste russe con la Germania attraverso il Mar Baltico. L'operatore del progetto è Nord Stream 2 AG, società controllata al 100% da Gazprom. I partner finanziari dell'azienda sono Royal Dutch Shell, OMV, Engie, Uniper e Wintershall.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала