Dopo la decisione dell'EU il regolatore francese ha sospeso le trasmissioni di RT FRANCE

© Sputnik . Vitaliy Belousov / Vai alla galleria fotograficaRT France
RT France - Sputnik Italia, 1920, 02.03.2022
Seguici suTelegram
Da oggi pomeriggio il canale francese di RT è stato bloccato, questo come diretta conseguenza delle decisioni prese dall'Unione Europea nei confronti dei media statali russi.
A partire dalle ore 16:00 di questo pomeriggio, mercoledì 2 marzo, RT France non sarà più visibile in Francia: "La trasmissione televisiva di RT France viene bloccata dopo il divieto di trasmissione annunciato dall'UE", dichiara RT France tramite il suo account Twitter.
Alla fine della scorsa settimana, il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che l'UE sta cercando di vietare i media statali russi, tra cui Sputnik, RT e le loro sussidiarie, nell'ambito delle nuove sanzioni applicate alla Russia dall'Unione Europea insieme agli Stati Uniti e ai suoi alleati occidentali durante l'operazione militare speciale di Mosca in Ucraina.
Ciò ha fatto seguito al divieto delle app relative a Sputnik e RT da parte di Google nell'app store di Google Play in tutta Europa, avvenuto poco dopo che la società aveva dichiarato che stavano bloccando i canali YouTube "connessi a RT e Sputnik in tutta Europa, con effetto immediato", mentre in precedenza Instagram e Meta, precedentemente noto come Facebook, hanno limitato l'accesso a Sputnik e RT in tutta l'UE.
Le sanzioni, inoltre, includono la chiusura dello spazio aereo comunitario a tutti i voli russi e l'imposizione di restrizioni a un certo numero di banche e funzionari russi. In risposta, la Russia ha chiuso il suo spazio aereo alle compagnie aeree di 36 paesi e il presidente Vladimir Putin ha ordinato "l'applicazione di misure economiche speciali" contro gli Stati Uniti e i suoi alleati.
La Russia ha lanciato un'operazione militare in Ucraina la mattina presto del 24 febbraio. Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato che l'obiettivo dell'operazione è "la protezione delle persone che sono state sottoposte a violenze e genocidio da parte del regime di Kiev per otto anni". Per questo motivo, ha detto, si prevede di effettuare una "smilitarizzazione e denazificazione dell'Ucraina", per assicurare alla giustizia tutti i criminali di guerra responsabili di "crimini sanguinari contro i civili" nel Donbass.
Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha sottolineato che le forze armate attaccano solo le infrastrutture militari e le truppe ucraine, nulla minaccia la popolazione civile. Con il supporto delle forze armate della Federazione Russa, i gruppi della DPR e LPR proseguono con l'avanzata. Tuttavia, non è prevista l'occupazione dell'Ucraina, ha sottolineato il presidente russo.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала