I nazionalisti ucraini hanno sequestrato circa 20 auto dell'OSCE a Kramatorsk - DPR

© Sputnik . Sergey AverinIspettori OSCE nel Donbass
Ispettori OSCE nel Donbass  - Sputnik Italia, 1920, 01.03.2022
Seguici suTelegram
Il destino dei membri dello staff rimane poco chiaro. La Russia ha lanciato un'operazione militare in Ucraina la mattina presto di giovedì 24 febbraio, rispondendo alle richieste di aiuto delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk per contrastare l'aggressione delle forze ucraine.
I nazionalisti ucraini hanno sequestrato circa 20 veicoli SMM dell'OSCE a Kramatorsk, il destino del personale della missione rimane sconosciuto, ha affermato la milizia popolare della DPR.
"Secondo le informazioni operative, le formazioni nazionaliste ucraine, approfittando dell'evolversi della situazione a Kramatorsk, hanno sequestrato una ventina di veicoli della SMM dell'OSCE. Il destino dei membri della missione rimane sconosciuto", ha affermato il DPR.
Si fa notare che questi veicoli, che portano i contrassegni OSCE SMM, "saranno indubbiamente utilizzati per effettuare provocazioni contro dipendenti dell'OSCE, seguite da accuse contro la DPR".
Prima di questo, l'OSCE SMM aveva dichiarato, nel suo rapporto quotidiano, che le squadre di monitoraggio a Donetsk e Lugansk erano in attesa di essere evacuate attraverso la Russia. In precedenza, il Segretario generale dell'OSCE, Helga Schmid, ha affermato di aver deciso di rimuovere tutti i membri della missione OSCE dall'Ucraina il prima possibile.
Giovedì, la Russia ha avviato un'operazione speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, rispondendo alle richieste di aiuto delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk, per contrastare l'aggressione delle forze ucraine.
Secondo il ministero della Difesa russo, le forze armate colpiscono solo le infrastrutture militari e le forze ucraine, nulla minaccia la popolazione civile. Con il supporto delle forze armate della Federazione Russa, i gruppi DPR e LPR stanno sviluppando un'offensiva. Ma non si parla di occupazione dell'Ucraina, ha sottolineato il presidente russo Vladimir Putin.
In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin aveva firmato decreti che riconoscono le Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk.
Nelle ultime settimane, la situazione lungo la linea di contatto è notevolmente peggiorata, poiché le forze ucraine hanno intensificato i bombardamenti nel Donbass.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала