Il sito di Sputnik in lingua ceca non è disponibile nella Repubblica ceca

© Sputnik . Alexey Filippov / Vai alla galleria fotograficaSputnik
Sputnik - Sputnik Italia, 1920, 01.03.2022
Seguici suTelegram
In precedenza, Sputnik Polonia non era più disponibile per gli utenti in Polonia, poiché durante il fine settimana diversi siti di Sputnik, tra cui Sputnik International, Sputnik Germania SNA e Sputnik Repubblica Ceca avevano segnalato attacchi DDoS su larga scala durante l'operazione speciale russa in corso in Ucraina.
Il sito di Sputnik non è più accessibile in Repubblica Ceca, al suo posto gli utenti potrebbero vedere dei messaggi che riporatno: "non riusciamo a trovare questa pagina" e "questo sito non è disponibile".
Il blocco è simile a quello di lunedì, quando Sputnik Polonia non è stato più disponibile per gli utenti polacchi.
A seguito dell'azione recentemente annunciata dalla Commissione europea contro i media russi, a seguito degli sviluppi della situazione in Ucraina, Instagram ha limitato l'accesso a più account che appartengono all'agenzia di stampa Sputnik, questo secondo un'e-mail distribuita lunedì dalla piattaforma.
"A causa di un ordine del governo, del tribunale o di un'altra autorità, l'accesso al tuo account è stato limitato in questa regione", si legge nel messaggio.
Il servizio non è disponibile per Sputnik in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Repubblica Ceca. Anche i dipartimenti di Sputnik in Ucraina e in Turchia hanno ricevuto tali e-mail.
Come parte dell'ampia repressione delle piattaforme di social media, gli account TikTok delle risorse mediatiche affiliate alla Russia, inclusi RT e Sputnik, non sono attualmente disponibili per gli utenti dell'Unione Europea dalle prime ore del mattino di oggi, martedì 1° marzo, questo secondo quanto hanno riferito i corrispondenti di Sputnik in Spagna e Germania.
A questi sviluppi si è giunti a partire da domenica, quando l'UE ha annunciato che avrebbe chiuso il suo spazio aereo agli aerei russi e che avrebbe cercato di vietare i media statali russi. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha promesso di "vietare nell'UE i media del Cremlino" nel mezzo dell'operazione speciale russa, in corso per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina.

"Russia Today e Sputnik, di proprietà statale, così come le loro sussidiarie, non saranno più in grado di diffondere le loro bugie per giustificare la guerra di Putin e per seminare divisione nella nostra unione", ha affermato.

In risposta a ciò, Sputnik ha ribattuto che l'UE potrebbe anche vietare Internet.
"Consigliamo all'Unione Europea di non fermarsi alle mezze misure e di vietare completamente Internet", ha affermato l'agenzia di stampa.
Sputnik Moldavia-Romania, una delle oltre due dozzine di agenzie sorelle di Sputnik International, è diventata l'ultima testata giornalistica in lingua straniera russa ad affrontare la censura negli ultimi giorni, poiché la Romania ha annunciato misure per reprimere i media russi in lingua straniera, in relazione alla crisi in Ucraina.
Sputnik Moldavia, sabato, ha ricevuto una notifica dalle autorità moldave che il sito web dell'agenzia di stampa sarebbe stato chiuso entro il 7 marzo con effetto immediato, e le sue trasmissioni radiofoniche bloccate.
Nel mezzo di una furiosa campagna di censura, Google ha vietato il download dell'app per il canale russo di RT in Ucraina, su richiesta di Kiev, mentre Facebook ha dichiarato che avrebbe represso una campagna di "disinformazione" sugli eventi in Ucraina. La censura di YouTube, di proprietà di Google, ha già preso di mira Sputnik, RBC, TV Zvezda e altri.
Oltre alla censura da parte di entità statali, durante il fine settimana diversi siti di Sputnik, tra cui Sputnik International, Sputnik Germania SNA, Sputnik Repubblica Ceca e Sputnik Polonia, hanno anche segnalato attacchi DDoS su larga scala.
Domenica, il sito web tedesco di Sputnik è stato colpito da un attacco DDoS, un giorno dopo che un'ondata di attacchi informatici aveva preso di mira la versione internazionale dell'agenzia di stampa Sputnik, insieme ai siti Web ceco e polacco.
Il sito web di Sputnik Polonia aveva segnalato un attacco DDoS, affermando che sia la versione mobile che quella desktop della pagina funzionavano in modo intermittente.
Altre pagine web russe, comprese quelle che appartengono a Roscosmos, RT, enti governativi, servizi e altre società, sono state afflitte da problemi di accesso simili.
Mosca ha lanciato un'"operazione militare" in Ucraina, dopo che le autorità delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk hanno chiesto formalmente assistenza per difendersi dagli attacchi delle truppe ucraine.
Le azioni del Cremlino sono state condannate da Stati Uniti, Giappone e diversi paesi europei, che di conseguenza hanno imposto sanzioni economiche alla Russia. Il pacchetto di misure adottate dagli Stati Uniti, dall'UE e dai loro alleati include nuove severe sanzioni bancarie e personali e la chiusura dello spazio aereo per gli aerei commerciali russi.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала