Guerra "economica e finanziaria" contro la Russia, Medvedev risponde al ministro francese

© Sputnik . Dmitry Astakhov / Vai alla galleria fotograficaDmitry Medvedev
Dmitry Medvedev - Sputnik Italia, 1920, 01.03.2022
Seguici suTelegram
L'UE intraprenderà una "guerra economica e finanziaria" totale contro la Russia, ha detto martedì il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, a France Info Radio.
Il vice presidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, ha ammonito il Ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, dopo che questi ha espresso l’intenzione da parte dell'UE di scatenare una "guerra economica e finanziaria" totale contro la Russia.
“Oggi, un qualche ministro francese ha dichiarato di aver dato il via ad una 'guerra economica' nei nostri confronti. Attenzione a ciò che dite, signori! E non dimenticatevi che, nella storia dell’umanità, le guerre cominciate come economiche si sono spesso trasformate in guerre vere” ha scritto Medvedev su Twitter.
La Russia assisterà ad un tracollo della propria economia a causa delle sanzioni mosse dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, aveva detto martedì Le Maire a France Info Radio. Il ministro francese ha poi comunicato l’intenzione di Bruxelles di voler scatenare una guerra “economica e finanziaria” totale contro la Russia, a seguito degli sviluppi della situazione in Ucraina.
Le Maire ha anche aggiunto che, a causa dell'operazione militare speciale di Mosca, avrebbe discusso con i leader di Total Energies e Engie delle loro attività in Russia. Questa dichiarazione arriva a seguito di un annuncio di lunedì, quando Parigi, nel contesto del nuovo pacchetto di sanzioni UE, aveva promesso che avrebbe identificato i russi con proprietà in Francia.
Diverse potenze mondiali si sono adoperate per colpire Mosca con sanzioni economiche, dopo l’inizio dell’operazione speciale di demilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina, lanciata in seguito alle richieste di aiuto da parte delle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR), a causa dell’aumento delle aggressioni da parte delle forze ucraine. In precedenza, dato che nella sua lista di sanzioni l’Unione Europea ha incluso numerosi politici russi di spicco, tra i quali alcuni membri del Consiglio di sicurezza, imponendo restrizioni come il congelamento di qualsiasi loro asset nella giurisdizione dell’UE, Medvedev aveva dichiarato che la Russia avrebbe risposto alla stessa maniera.
I governi occidentali hanno inoltre lanciato una campagna di censura nei confronti dei media stranieri in lingua russa che si stanno occupando del conflitto in Ucraina. Sono stati chiusi siti web, trasmissioni radio e televisive ed è stato bloccato o limitato l'accesso a Sputnik e RT su YouTube, Facebook, Twitter e sulle altre piattaforme social. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno anche promesso di aumentare l'assistenza militare all'Ucraina e i ministri degli Esteri dell'UE hanno accettato di fornire a Kiev armi per un totale di 450 milioni di euro.
Gli Stati Uniti, il Canada e l’Australia hanno anche approvato l’utilizzo della forza, nel fornire assistenza difensiva all’Ucraina, mentre Joe Biden ha promesso un pacchetto di aiuti militari da 350 milioni di dollari a Kiev.
Il ministero della Difesa russo ha affermato che l'operazione prende di mira solo le infrastrutture militari dell'Ucraina e che la popolazione civile non è in pericolo. Mosca afferma di non avere intenzione di occupare l'Ucraina e che lo scopo dell'operazione è salvare la popolazione civile dal genocidio e liberare le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, in particolare attraverso la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала