La Russia limita i voli alle compagnie aeree di 36 stati

© Sputnik . Oleg Zoloto / Vai alla galleria fotograficaL'aereo Lufthansa
L'aereo Lufthansa - Sputnik Italia, 1920, 28.02.2022
Seguici suTelegram
Sanzioni da parte della Russia in risposta a quelle occidentali: compagnie aeree di 36 stati subiranno restrizioni all'esercizio di volo". Lo annuncia l'Agenzia federale per il trasporto aereo.
La Russia, in risposta al divieto degli stati europei sui voli degli aerei dicompagnie russe, ha limitato l'operazione di voli alle compagnie aeree di 36 stati, riferisce l'Agenzia federale per il trasporto aereo.
"Conformemente alle norme del diritto internazionale, in risposta al divieto degli Stati europei all'esercizio di voli di aeromobili civili operati da vettori aerei russi e/o registrati in Russia, è stata introdotta una restrizione all'esercizio di voli da parte di vettori aerei di 36 stati", si legge nel messaggio.
Come specificato, le restrizioni riguarderanno i vettori aerei dei seguenti Paesi: Austria, Albania, Anguilla, Belgio, Bulgaria, Isole Vergini Britanniche, Gran Bretagna, Ungheria, Germania, Gibilterra, Grecia, Danimarca (+ Groenlandia, Isole Faroe, Mare Territoriale ), Jersey, Irlanda, Islanda, Spagna, Italia, Canada, Cipro, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Finlandia, Francia, Croazia, Repubblica Ceca, Svezia, Estonia .
I voli da questi Paesi potranno essere effettuati solo con un permesso speciale rilasciato dall'Agenzia Federale del Trasporto Aereo o dal Ministero degli Esteri russo.
Lo scorso fine settimana, i Paesi occidentali hanno avviato nuove sanzioni contro la Russia.
In merito all'operazione della Federazione Russa in atto in Ucraina, l'Unione Europea ha vietato a qualsiasi aereo russo di atterrare, decollare o sorvolare il territorio dell'UE oltre a vietare alle sue compagnie di fornire aeromobili civili e pezzi di ricambio alla Russia.
Inoltre si è appreso che l'UE ha vietato le operazioni relative alla gestione delle riserve e dei beni della Banca centrale russa.
Gli stati dell'UE potranno condurre transazioni con la Banca di Russia se è "strettamente necessario" per garantire la stabilità finanziaria. Il capo della diplomazia dell'UE, Josep Borrell, ha affermato che circa la metà delle riserve finanziarie della Banca centrale della Federazione russa sarà congelata grazie alle nuove sanzioni dell'UE.
Come hanno affermato nell'ufficio di gabinetto tedesco, tutte le banche russe che sono già cadute sotto le sanzioni della comunità internazionale e, se necessario, altre banche russe, saranno escluse dal sistema di ordini di pagamento SWIFT.
Le autorità della Federazione Russa hanno adottato misure di risposta a queste restrizioni, in una risposta speculare al divieto di voli dei vettori europei attraverso il territorio del Paese.
Il Ministero delle Finanze e la Banca Centrale hanno inoltre dichiarato che stanno monitorando la situazione del mercato finanziario. Per garantire stabilità, lunedì la Banca centrale ha alzato urgentemente il tasso chiave a un record del 20% e ha sospeso le negoziazioni di azioni, mentre il ministero delle Finanze ha obbligato gli esportatori a vendere l'80% dei guadagni in valuta estera.
Allo stesso tempo, il capo del ministero delle Finanze, Anton Siluanov, ha affermato che tutte le spese sociali del bilancio saranno soddisfatte e che le banche capitalizzeranno ulteriormente, se necessario.
Il portavoce presidenziale Dmitry Peskov ha affermato che la Federazione Russa si sta preparando sistematicamente da molto tempo a possibili sanzioni, comprese quelle più severe che la Russia sta affrontando. Quando gli è stato chiesto se ci sarebbe stata una risposta speculare alle sanzioni, ha affermato che le risposte sarebbero state costruite principalmente dal punto di vista dell'opportunità e degli interessi della Russia.
A causa del possibile blocco di Sputnik, consigliamo ai lettori di iscriversi al nostro canale Telegram, dove pubblicheremo le ultime notizie.
L'edificio del ministero degli Esteri della Cina a Pechino - Sputnik Italia, 1920, 28.02.2022
La Cina condanna le sanzioni: non risolvono i problemi
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала