Sondaggio rivela: negli Usa russofobia vicini ai livelli della Guerra Fredda

Russia USA - Sputnik Italia, 1920, 27.02.2022
Seguici suTelegram
Nel 2017 la Casa Bianca e il Pentagono hanno delineato una nuova strategia globale, allontanandosi dalla Guerra al Terrore e verso quella che hanno chiamato "grande competizione di potere" con Russia e Cina. Washington accusa Mosca e Pechino di aver tentato di riscrivere l'ordine internazionale post-Guerra Fredda basato sul ruolo egemone americano.
Secondo un nuovo sondaggio pubblicato venerdì su ABC News e Washington Post, gli americani mostrano i più alti livelli di ostilità nei confronti della Federazione Russa degli ultimi quarant'anni.
Condotto tra domenica e giovedì sullo sfondo dell'escalation in Europa orientale, il sondaggio ha rilevato che l'80% degli americani vede la Russia come ostile o nemica degli Stati Uniti.
Secondo ABC, questa è la percentuale più alta vista dal 1983, quando la Russia faceva parte dell'Unione Sovietica, anche se colloquialmente ancora chiamata Russia nella cultura americana, e quando anche il confronto tra il blocco socialista e capitalista era al culmine.
Secondo il sondaggio, solo il 12% degli americani vede la Russia come un'amica degli Stati Uniti; quel numero raggiunse il suo massimo nel 1993, due anni dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica e la fine della Guerra Fredda, quando due terzi degli americani consideravano la Russia amica degli Stati Uniti.
Una larga maggioranza di repubblicani, democratici e indipendenti sostiene di vedere negativamente la Russia, in particolare dal 78% tra gli elettori repubblicani e l'86% dei democratici, con gli indipendenti all'81%.
Detto questo, una piccola maggioranza di repubblicani (62%) ha affermato di sostenere le sanzioni contro Mosca, con il 79% di democratici e il 63% di indipendenti.
Giovedì il presidente Joe Biden ha comunicato sanzioni di vasta portata contro le più grandi banche e imprese statali russe, così come altri settori, che secondo lui sono state create per avere il massimo effetto distruttivo contro Mosca.
Bomba atomica B61  - Sputnik Italia, 1920, 26.02.2022
Crisi ucraina, Biden: alternativa alle sanzioni contro la Russia la Terza Guerra Mondiale
La mattina del 24 febbraio il presidente Vladimir Putin ha ordinato un'operazione speciale in Ucraina, descrivendola come un passo necessario per intervenire nelle Repubbliche Popolari del Donbass, che stavano affrontando un "genocidio" e le atrocità commesse dal governo nazionalista a Kiev.
Il ministero della Difesa russo ha sottolineato che le forze russe non stanno prendendo di mira le città o le infrastrutture sociali dei guarnigioni militari ucraini, al fine di evitare vittime tra i militari e le loro famiglie che risiedono lì, e ha ordinato di trattare il personale militare delle forze armate ucraine "con rispetto".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала