Le forze armate ucraine hanno attaccato otto infrastrutture civili, riferisce la DPR

© Sputnik . Максим Захаров / Vai alla galleria fotograficaCasa distrutta da un missile, Donbass
Casa distrutta da un missile, Donbass - Sputnik Italia, 1920, 27.02.2022
Seguici suTelegram
Nuovi bombardamenti hanno interessato infrastrutture civili della DPR, riferisce il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco JCCC. 8 infrastrutture sono andate distrutte per i bombardamenti messi in atto dall'esercito ucraino. 7 veicoli attaccati.
L'ufficio di rappresentanza della DPR presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco (JCCC) riferisce di 8 infrastrutture civili andate distrutte a seguito di bombardamenti ad opera dell'esercito ucraino.
La rappresentanza della Repubblica popolare di Donetsk ha riferito al JCCC che 8 infrastrutture civili e 7 veicoli sotto attacchi mirati da parte delle truppe ucraine.
Il Centro riferisce anche che truppe ucraine hanno bombardato il villaggio di Panteleimonovka nella Repubblica popolare di Donetsk questa domenica mattina, e proprio di questa mattina la notizia che bombardamenti nella notte hanno distrutto un deposito di gasolio nella cittadina di Rovenky, nella LPR.
"La causa dell'esplosione al deposito petrolifero della città di Rovenky è stata un attacco missilistico delle forze di sicurezza ucraine", ha confermato la Milizia popolare della Repubblica popolare di Lugansk.
Secondo informazioni aggiornate, l'incendio al deposito petrolifero della città di Rovenky si è verificato a seguito dell'uso dei sistemi missilistici tattici 9K79-1 "Tochka-U" da parte delle formazioni armate dell'Ucraina", riportano fonti della LPR.
Nelle ultime settimane la situazione nel Donbass si è gravemente aggravata, con Kiev che ha concentrato la maggior parte del suo esercito sulla linea di confine con le Repubbliche di Donetsk e Lugansk e ha intensificato i bombardamenti nella zona, utilizzando tra l'altro prioettili vietati dagli accordi di Minsk.
A causa della reale minaccia di invasione da parte ucraina, le autorità delle repubbliche hanno iniziato l'evacuazione di donne, bambini e anziani nelle regioni russe, hanno annunciato una mobilitazione generale e il 19 febbraio hanno chiesto alla Russia di riconoscere la loro indipendenza.
Il 21 febbraio Vladimir Putin ha firmato decreti che riconoscono la sovranità di LPR e DPR e il 24 febbraio ha annunciato l'inizio di un'operazione speciale.
Ha assicurato che i piani di Mosca non includono l'occupazione dell'Ucraina, ma solo la sua smilitarizzazione e denazificazione. Il capo dello Stato ha definito l'obiettivo dell'operazione la protezione dei residenti del DPR e LPR, che da otto anni subiscono un genocidio.
Palazzo residenziale danneggiato da un missile, Donbass - Sputnik Italia, 1920, 27.02.2022
DPR e LPR: bombardamenti questa mattina da parte dell'esercito ucraino su abitati e infrastrutture
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала