Peskov: Kiev rifiuta di avviare le trattative, riprese le operazioni delle forze armate in Ucraina

© Sputnik . Sergey Guneev / Vai alla galleria fotograficaIl portavoce del Cremlino Dmitry Peskov
Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov - Sputnik Italia, 1920, 26.02.2022
Seguici suTelegram
Il portavoce del presidente russo ha affermato che ieri le operazioni militare erano state sospese, in attesa delle trattative con Kiev, che non si sono però verificate.
Venerdì pomeriggio, il presidente russo Vladimir Putin, in attesa dei programmati negoziati con Kiev, aveva ordinato di fermare l'avanzata delle truppe in Ucraina, ma a causa del rifiuto dell'altra parte di negoziare, questo pomeriggio sono state riprese le operazioni, ha dichiarato Peskov.
"Ieri pomeriggio, in relazione ai negoziati previsti con l'amministrazione ucraina, il comandante supremo e presidente della Russia ha ordinato la sospensione dell'avanzata delle principali forze armate russe", ha detto il portavoce del Cremlino.
Peskov ha spiegato che siccome "la parte ucraina ha rifiutato di negoziare, l'avanzata delle principali forze russe è ripresa questo pomeriggio secondo il piano dell'operazione".
Giovedì mattina, il presidente Putin ha autorizzato un'operazione speciale, dopo che la DPR e la LPR hanno chiesto a Mosca assistenza militare per difendersi dall'aggressione ucraina. Il capo di stato russo ha affermato che l'operazione è di natura preventiva e che Mosca intende solo proteggere la popolazione delle due repubbliche e non occupare l'Ucraina.
Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le armi di precisione utilizzate stanno neutralizzando le infrastrutture militari ucraine, comprese le basi aeree e le difese aeree, osservando, inoltre, che le città ucraine non sono prese di mira e che sono solo le strutture militari ad essere neutralizzate.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала