Mosca: Strasburgo ha ignorato uccisioni dei civili nel Donbass per 8 anni

© Sputnik . Valeriy Melnikov / Vai alla galleria fotograficaCivili di Lugansk dopo un bombardamento
Civili di Lugansk dopo un bombardamento - Sputnik Italia, 1920, 26.02.2022
Seguici suTelegram
La Russia ha più volte esortato l'Occidente a fare attenzione e indagare i casi di violazioni dei diritti umani e crimini di guerra commessi dai neonazisti contro la popolazione russofona nella regione del Donbass dopo il colpo di stato del 2014.
La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha chiuso gli occhi sull'uccisione di civili da parte degli squadroni della morte ucraini nel Donbass per otto anni, ha affermato il ministero degli Esteri russo.
La Russia ha lanciato un'operazione militare nell'Ucraina giovedì 24 febbraio, nelle prime ore del mattino. In un discorso televisivo ai cittadini russi, il presidente Vladimir Putin ha affermato che le circostanze "richiedono un'azione decisiva e immediata da parte nostra, le repubbliche popolari del Donbass hanno chiesto aiuto".
Il capo di stato russo ha affermato che tutta la responsabilità dello spargimento di sangue sarà sulla coscienza del regime al potere in Ucraina e ha invitato i soldati ucraini a non seguire gli ordini criminali delle autorità, deporre le armi e tornare a casa.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала