Mosca vieta agli aerei del Regno Unito lo spazio aereo russo in risposta alle sanzioni per Aeroflot

© flickr.comBritish airlines
British airlines - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2022
Seguici suTelegram
Mosca ha vietato agli aerei del Regno Unito di utilizzare lo spazio aereo russo, anche per scopi di transito, ha annunciato venerdì l'Agenzia federale per il trasporto aereo. Le restrizioni riguardano anche tutti gli aeromobili associati alla Gran Bretagna.
Giovedì, la Gran Bretagna ha sanzionato la Russia, a causa l'operazione speciale di Mosca per proteggere il popolo del Donbass e liberare l'Ucraina dai neonazisti. Le restrizioni riguardano oltre 100 cittadini russi e il vettore aereo nazionale russo, Aeroflot.
"Questo passo è stato adottato in conformità con le disposizioni dell'Accordo intergovernativo sui servizi aerei tra Russia e Regno Unito, in risposta alle mosse ostili delle autorità aeronautiche britanniche in merito alla restrizione sui voli regolari di aeromobili di proprietà, noleggiati o operati da persona associata alla Russia o registrati in Russia", ha affermato l'agenzia in una nota.
L'agenzia ha osservato che Mosca aveva inviato una proposta a Londra per tenere consultazioni sui voli tra i paesi, rilevando che questa era stata rifiutata.
Il rifiuto della Gran Bretagna di negoziare ha spinto la Russia ad adottare misure di ritorsione equivalenti, "in conformità con le disposizioni dell'accordo intergovernativo sul traffico aereo tra Russia e Regno Unito".
Aeroflot, la compagnia di bandiera russa, la più grande compagnia aerea della Paese, è stata presa di mira nell'ultimo pacchetto di sanzioni britanniche. Il Regno Unito ha vietato i voli Aeroflot verso la Gran Bretagna, tra le altre sanzioni che hanno preso di mira la banca russa VTB e la compagnia statale Rostec.
Annunciando le restrizioni, il primo ministro britannico Boris Johnson si è vantato che queste erano state progettate per "spingere via la Russia dall'economia globale", facendo riferimento all'operazione speciale di Mosca in Ucraina.
L'operazione è stata annunciata dal presidente Putin giovedì, dopo che le repubbliche di Lugansk e Donetsk hanno chiesto assistenza nella lotta contro la pressione militare sempre crescente dell'esercito ucraino.
Il ministero della Difesa russo ha affermato che l'operazione aveva come obiettivo l'infrastruttura militare dell'Ucraina, sottolineando che la popolazione civile non era in pericolo. La Russia ha costantemente sottolineato di non avere piani per "occupare" il suo vicino.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала